Il tuo browser non supporta JavaScript!

Francesco Medici

Francesco Medici
autore
Stilo Editrice
Francesco Medici, membro ufficiale dell’International Association for the Study of the Life and Work of Kahlil Gibran, è uno dei maggiori esperti e traduttori in Italia dell’opera gibraniana, nonché autore di numerosi interventi critici su altri eminenti letterati siro-libanesi emigrati in America tra il XIX e il XX secolo, tra cui Ameen Rihani, del quale ha curato la prima traduzione italiana di Il Libro di Khalid (Mesogea, 2014). Per la Stilo ha inaugurato la collana ‘Officina’ con la monografia Luzi oltre Leopardi. Dalla forma alla conoscenza per ardore (2007) e ha contribuito alla collana ‘Ciliegie’ con l’antologia Poeti arabi della diaspora (2015).

Libri dell'autore

Juhan

di Ameen Rihani

editore: Stilo Editrice

pagine: 180

Una storia di emancipazione femminile nella Turchia del primo Novecento
15,00 12,75

Luzi oltre Leopardi

Dalla forma alla conoscenza per ardore

di Francesco Medici

editore: Stilo Editrice

pagine: 176

Gli ermetici furono probabilmente i primi a raccogliere l’eredità di Leopardi e a riflettere sulla sua lezione di sfida aperta alla modernità. Francesco Medici indaga la presenza del Recanatese nella coscienza poetica e critica di Mario Luzi, con particolare riferimento alla prima produzione luziana da La barca (1935) a Onore del vero (1957). Leopardi si rivela per Luzi un modello irrinunciabile da cui avviare una rifondazione della poesia a partire dalla sublimazione della vicissitudine nella forma, fino al suo stesso superamento in favore di una conoscenza animata dall’ardore della realtà. Chiudono il volume un’intervista al poeta e una postfazione di Marco Beck.
14,00 11,90

Poeti arabi della diaspora

Versi e prose liriche di Kahlil Gibran, Ameen Rihani, Mikhail Naimy, Elia Abu Madi

editore: Stilo Editrice

pagine: 208

La «scuola poetica siro-americana» nacque ufficialmente a New York il 28 aprile 1920, quando una decina di scrittori emigrati negli Stati Uniti tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo dalla regione della Grande Siria ottomana (in particolare dal Monte Libano) si riunì nello studio di Kahlil Gibran per fondare un circolo politico-letterario denominato al-Rābiṭah al-Qalamiyyah(Associazione della Penna). Questi intellettuali e nazionalisti mediorientali intendevano promuovere la bellezza della lingua araba dopo secoli di stagnazione e sterilità, inaugurare nuovi codici espressivi nelle composizioni in lingua inglese, e al contempo fomentare la ribellione dei loro compatrioti d’oltreoceano alla dominazione turca e successivamente ai mandati europei. Insieme a testi inediti e rari di Gibran, l’antologia propone una ricca selezione di versi e prose liriche di Ameen Rihani, Mikhail Naimy ed Elia Abu Madi, massimi autori della letteratura araba della diaspora. Arricchiscono l’opera due poesie, contenute nella silloge, musicate e cantate dai Maalavia (QR code).
14,00 11,90
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.