Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pietro Polieri

Pietro Polieri
autore
Stilo Editrice
Pietro Polieri (1974) ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in ‘Logos e Rappresentazione. Studi interdisciplinari di letteratura, estetica, arti e spettacolo’ – Sezione ‘Innovazione e Tradizione: eredità dell’antico nel moderno e nel contemporaneo’ presso l’Università di Siena. Attualmente insegna Antropologia culturale, Discipline demoetnoantropologiche e Sociologia del turismo culturale presso l’Università ‘Aldo Moro’ di Bari, e Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università ‘Federico II’ di Napoli. È inoltre docente di Storia della filosofia patristica presso l’Istituto di Teologia Ecumenico-Patristica Greco-Bizantina ‘San Nicola’ di Bari – Facoltà Teologica Pugliese (FTP). Presso l’Istituto Teologico Interreligioso ‘Santa Fara’ di Bari (FTP), già professore incaricato per il seminario di Filosofie e teologie delle religioni, insegna Filosofia della storia, Filosofia della religione e nei seminari intitolati Cristianesimo e filosofia contemporanea e Antropologia delle religioni: il sacro. Insegna inoltre Storia e Filosofia nei licei. È autore, oltre che di numerosi saggi su riviste specializzate, delle monografie intitolate I suoni della Torah. L’ebraismo «letto» attraverso la musica (1998), La voce dell’Inizio. Alla sorgente della musica ebraica (2001), Il manifesto della donna «riformata». Una lettura del Cantico dei Cantici (2001). Per la Stilo ha pubblicato, nella stessa collana “Filosofia”, La colpa dell’essere. Il racconto biblico della violazione originaria tra ricostruzione storico-teologica e analisi filosofica (2003). Diplomato in Flauto Traverso presso il Conservatorio ‘L. Refice’ di Frosinone, è direttore titolare di cori polifonici e compositore. È autore della raccolta di musica sacra e liturgica La Carezza dello Spirito (2008), per varie formazioni corali e organo sinfonico.

Libri dell'autore

Dio è tollerante?

Il cristianesimo di fronte alla pluralità delle religioni e alla sfida etica globale

di Pietro Polieri

editore: Stilo Editrice

pagine: 400

La ‘tradizione’ cristiana, che pure, rispetto a tante altre, non rinuncia a confrontarsi con il ‘presente’ religioso, caratterizzato da molteplici e variegate opzioni, antiche e moderne, nasconde e mantiene, quale ‘eredità’ ricevuta dal suo passato ‘cristiano-centrico’, dietro le riflessioni teologiche, improntate ‘progressisticamente’ al pluralismo e alla tolleranza, la convinzione profonda dell’in-sensatezza ‘in-sé’ delle altre religioni e della necessità che esse riconoscano la propria legittimità solo ‘in relazione’ al cristianesimo. Quest’ultimo, dal punto di vista morale, e particolarmente in una proposta cattolica approfondita nella presente ricerca, è stato capace invece di valorizzare l’alterità e la pluralità religiose, ponendo il dialogo ‘co-relazionale’ e ‘globalmente responsabile’ tra le religioni come condizione irrinunciabile per far fronte alla sfida etica planetaria che insiste anche e soprattutto sulle religioni, considerate ‘geneticamente’ capaci di immaginare e di impegnarsi per una realtà diversa e migliore. Attraverso l’analisi critica delle posizioni di studiosi di primo piano e di personalità eminenti del mondo cristiano-cattolico prende lentamente forma il pensiero dell’Autore, imperniato sulla necessità di riconoscere all’alterità religiosa una sua autonomia e di porre la parità e l’incommensurabilità tra le tradizioni religiose come condizioni primarie di possibilità per un dialogo fecondo tra loro.
35,00 33,25

La colpa dell'essere

Il racconto biblico della violazione originaria tra ricostruzione storico-teologica e analisi filosofica

di Pietro Polieri

editore: Stilo Editrice

pagine: 152

Cosa vuol dire che l’essere dell’uomo è colpevole prima di ogni peccato? Cosa significa sostenere che la colpevolezza dell’uomo non è altro che lo stato ontologico nel quale egli si trova sin dal momento della sua creazione proprio perché è una creatura? Cosa comporta, dunque, pensare la relazione tra colpa e creazione: lo scagionamento dell’uomo da ogni responsabilità in ordine alla realizzazione del male e la conseguente iscrizione di quest’ultimo nell’azione creatrice di Dio, cosa che renderebbe appunto Dio autore del male? Oppure l’ammissione della possibilità di pensare nella sua purezza ed essenzialità il rapporto tra l’essere della creatura e l’Essere del Creatore? Nelle pagine di questo libro, dense di traiettorie inedite di riflessione e ricche di stimolanti sollecitazioni alla discussione filosofica e teologica, oltre che storica e letteraria, prende vorticosamente forma un pensiero irrequieto e destabilizzante, che trae tale sua peculiare identità dal fatto di avere come oggetto d’indagine una relazione originaria, un inizio.
12,00 11,40
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.