Il tuo browser non supporta JavaScript!

6. Filosofia

La collana raccoglie contributi che intersecano la religione, la poesia, la pedagogia, la musica, il cinema: perché non c'è questione su cui i filosofi non si siano interrogati, e conoscere il loro punto di arrivo consente di spingersi oltre

Un pensiero in gioco

Storie, teorie ed esperienze di didattica ludica in filosofia

editore: Stilo Editrice

pagine: 276

Il testo presenta i risultati di una ricerca sulla filosofia e la didattica, promossa insieme da docenti universitari e di liceo. Nella prima parte, F. De Natale si sofferma su alcuni pensatori del ’900 che hanno posto il gioco al centro delle loro teorie e indica il ludus come simbolo efficace della filosofia e dell’esistenza. A. Caputo, dopo aver collocato l’impostazione ermeneutica all’interno della storia della didattica della filosofia italiana, mostra i fondamenti di una possibile philosophia ludens e fornisce una cassetta degli attrezzi per gli insegnanti che vorranno provare a giocare in classe con la filosofia. La seconda parte del volume presenta i resoconti delle docenti A. Mercante e R.M. Baldassarra, che hanno già sperimentato nei licei questo pensiero in gioco, e riporta passi dei diari di bordo degli studenti giocatori. Emerge la possibilità di un viaggio originale nella storia della filosofia, che parte dal pensare per arrivare al pensato. E si delinea la verità del gioco come mediazione: non solo per studiare meglio, ma anche e soprattutto per comprendere meglio se stessi.
15,00 14,25

Dio è tollerante?

Il cristianesimo di fronte alla pluralità delle religioni e alla sfida etica globale

di Pietro Polieri

editore: Stilo Editrice

pagine: 400

La ‘tradizione’ cristiana, che pure, rispetto a tante altre, non rinuncia a confrontarsi con il ‘presente’ religioso, caratterizzato da molteplici e variegate opzioni, antiche e moderne, nasconde e mantiene, quale ‘eredità’ ricevuta dal suo passato ‘cristiano-centrico’, dietro le riflessioni teologiche, improntate ‘progressisticamente’ al pluralismo e alla tolleranza, la convinzione profonda dell’in-sensatezza ‘in-sé’ delle altre religioni e della necessità che esse riconoscano la propria legittimità solo ‘in relazione’ al cristianesimo. Quest’ultimo, dal punto di vista morale, e particolarmente in una proposta cattolica approfondita nella presente ricerca, è stato capace invece di valorizzare l’alterità e la pluralità religiose, ponendo il dialogo ‘co-relazionale’ e ‘globalmente responsabile’ tra le religioni come condizione irrinunciabile per far fronte alla sfida etica planetaria che insiste anche e soprattutto sulle religioni, considerate ‘geneticamente’ capaci di immaginare e di impegnarsi per una realtà diversa e migliore. Attraverso l’analisi critica delle posizioni di studiosi di primo piano e di personalità eminenti del mondo cristiano-cattolico prende lentamente forma il pensiero dell’Autore, imperniato sulla necessità di riconoscere all’alterità religiosa una sua autonomia e di porre la parità e l’incommensurabilità tra le tradizioni religiose come condizioni primarie di possibilità per un dialogo fecondo tra loro.
35,00 33,25

Io e tu

Una dialettica fragile e spezzata. Percorsi con Paul Ricoeur

di Annalisa Caputo

editore: Stilo Editrice

pagine: 302

Il volume propone alcuni saggi di ricerca teoretica dedicati alla filosofia contemporanea, approfondendone tematiche di particolare interesse. Il primo lavoro, di carattere storico-critico, è rivolto a quanti vogliono addentrarsi nello studio dell’ermeneutica di Paul Ricoeur. Il secondo saggio si interroga sul senso del proprio essere e dell’essere dell’altro, sulla difficoltà e la bellezza dell’entrare in relazione. È stato pensato con un taglio esistenziale e può essere letto anche senza una conoscenza specifica delle problematiche ricoeuriane. Il tema conduttore del libro, ‘una dialettica fragile e spezzata’, nasconde infine il colloquio con gli studiosi esperti del filosofo francese, a partire dalla constatazione che manca ancora a livello internazionale una monografia su questo specifico aspetto (metodologico e concettuale) del suo pensiero, mentre, forse, proprio in esso risiede la scoperta e la consegna più feconda dell’ermeneutica ricoeuriana.
25,00 23,75

Compendium musicae

di René Descartes

editore: Stilo Editrice

pagine: 108

Il Compendium musicae (Compendio di musica, redatto nel 1618 e pubblicato nel 1650), di René Descartes (1596-1650), è un trattato di teoria musicale rinascimentale, in cui sono indagati i rapporti matematici che regolano le consonanze, le dissonanze e le tonalità. L’opera, scritta da Descartes all’età di ventidue anni, costituisce un dono personale dell’autore al suo amico Isaac Beeckman (1588-1637), scienziato olandese, che lo incoraggia alla ricerca nel campo delle applicazioni della matematica alla fisica. Lo studio degli intervalli e l’utilizzo degli armonici fisici sono, in realtà, interpretati a partire da considerazioni puramente esperienziali. Infatti, effettua prima di tutto fisicamente gli esperimenti che devono portare alle consonanze, ma pone alla base di tutto un’attitudine estetica. La teoria è, nel caso della musica, asservita al piacere: una musica deve piacere, e i criteri affinché piaccia non sono celesti o numerici, ma umani. Per Descartes, le reazioni umane alla musica sono soggettive, variano a seconda delle circostanze, ma la scienza musicale è oggettiva: le sue leggi sono un prodotto della natura che non rispetta il capriccioso giudizio umano.Il trattato, una sintesi in tredici capitoli della teoria e della pratica musicale, circola manoscritto fino alla sua prima edizione nel 1650 a Utrecht, in Olanda, qualche mese dopo la morte del filosofo. L’opera viene riproposta con testo originale a fronte, traduzione, note e immagini: un ricco apparato critico, prezioso per approfondire i complessi rapporti tra musica, matematica e filosofia agli inizi dell’età moderna.
12,00 11,40

La filosofia e le scienze della mente

di Mariateresa de Palma

editore: Stilo Editrice

pagine: 118

Uno degli interrogativi essenziali, cui l’uomo sembra non riuscire ancora oggi a fornire una risposta soddisfacente, è quello relativo alla definizione del concetto di mente. Le difficoltà nell’indagine di questo tema, definito metaforicamente da Schopenhauer nodo cosmico o enigma ammantato di mistero, nascono fondamentalmente dal fatto che, per dirla con le parole di Edelman, «a differenza di ogni altra entità, che possiamo descrivere come oggetto esterno nei due differenti modi del senso comune e della scienza, nel caso della coscienza noi siamo ciò che descriviamo scientificamente…». Nel corso dei secoli è emersa una molteplicità di approcci a tale problematica. L’ipotesi più interessante, a cui è dedicato questo lavoro, è degli ultimi decenni e deriva dalle teorizzazioni di alcuni noti neurobiologi. Questi affermano che una corretta analisi dei meccanismi di natura fisica e biologica, che presiedono al funzionamento della mente, considerata non più come una sostanza ma come un processo, non possa prescindere dall’apporto di discipline apparentemente molto distanti, in particolar modo da quello fornito dalla filosofia.
12,00 11,40

La colpa dell'essere

Il racconto biblico della violazione originaria tra ricostruzione storico-teologica e analisi filosofica

di Pietro Polieri

editore: Stilo Editrice

pagine: 152

Cosa vuol dire che l’essere dell’uomo è colpevole prima di ogni peccato? Cosa significa sostenere che la colpevolezza dell’uomo non è altro che lo stato ontologico nel quale egli si trova sin dal momento della sua creazione proprio perché è una creatura? Cosa comporta, dunque, pensare la relazione tra colpa e creazione: lo scagionamento dell’uomo da ogni responsabilità in ordine alla realizzazione del male e la conseguente iscrizione di quest’ultimo nell’azione creatrice di Dio, cosa che renderebbe appunto Dio autore del male? Oppure l’ammissione della possibilità di pensare nella sua purezza ed essenzialità il rapporto tra l’essere della creatura e l’Essere del Creatore? Nelle pagine di questo libro, dense di traiettorie inedite di riflessione e ricche di stimolanti sollecitazioni alla discussione filosofica e teologica, oltre che storica e letteraria, prende vorticosamente forma un pensiero irrequieto e destabilizzante, che trae tale sua peculiare identità dal fatto di avere come oggetto d’indagine una relazione originaria, un inizio.
12,00 11,40

Filosofia e teologia dal Sud Italia

di Bruno Forte

editore: Stilo Editrice

pagine: 64

Attraverso una breve, ma suggestiva analisi dei maggiori intellettuali meridionali, da Parmenide a Croce, da Cassiodoro a Giordano Bruno, l’autore sviluppa la tesi per la quale «anche nella storia della civiltà europea la luce viene da Oriente: quando l’orientale lumen si tuffa in Occidente, lo spirito speculativo dei Greci viene a sposarsi alla concretezza latina. Da questa coniugazione nascono le stagioni e le imprese che segnano la storia della cultura occidentale. Il luogo in cui questo incontro originariamente si compie è il Meridione d’Italia: perciò non meraviglia come questa terra costituisca la culla in cui hanno inizio molte delle svolte del pensiero dell’Occidente».
6,00 5,70

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.