Europa Creativa

Voices from European peripheries. Literatures, lost and rediscovered identity della Stilo Editrice è fra i 39 progetti che hanno vinto il bando promosso da Europa Creativa e che saranno finanziati dal programma di Traduzioni Letterarie della comunità europea, a cui quest’anno sono stati presentati 242 progetti provenienti da 35 paesi.

L’Italia è tra i Paesi che hanno ricevuto più finanziamenti insieme a Serbia, Bulgaria e Lituania, e la Stilo è una delle tre case editrici italiane il cui progetto presentato è stato valutato positivamente e ammesso a finanziamento.

Il progetto riguarderà la traduzione di sei opere scritte da autori provenienti da Bosnia-Erzegovina, Serbia, Georgia, Cipro, Norvegia e Turchia e si propone, attraverso la loro diffusione, di promuovere in Italia la questione della ricerca di identità, in tutte le sue sfaccettature. Anche se differenti per lingua, contenuto e stile, le opere hanno un filo conduttore comune: sono voci dalle periferie europee, parlano di memoria, di identità perdute e ritrovate, di guerra e immigrazione, di passato e futuro.

Le opere, che nei rispettivi paesi hanno già ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale, saranno pubblicate verso la fine del 2017 e saranno poi promosse nel 2018 coinvolgendo gli stessi autori attraverso festival ed eventi.

Accerchiamento di Carl Frode Tiller, trad. di Margherita Podestà (Norvegia 2007) (tit.orig. Innsirkling)
Città della neve di Beqa Qurxul, trad. di Nunu Geladze Fuscoi (Georgia 2013) [tit.orig. Qalaqi tovlsi)
Più calmo dell’acqua (titolo provvisorio) di Berislan Blagojeviv, trad. di Danilo Capasso (Bosnia 2013) (tit. orig. Tisi od vode)
Ho le mie paure (titolo provvisorio) di Scion Özdem, trad. di Anna Lia Proietti (Turchia 2007) (tit.orig. Korku benim sahibim)
Un album di storie (titolo italiano provvisorio) di Antonis Georgiou, trad. di Valentina Gilardi (Cipro 2016) (tit. orig. Alpoum Istories)
Voci nel vento di Grodzana Olujić, trad. di Danilo Capasso (Serbia 2009) [tit. orig. Glasovi u vetru]