Europa Creativa

Voices from European peripheries. Literatures, lost and rediscovered identity della Stilo Editrice è fra i 39 progetti che hanno vinto il bando promosso da Europa Creativa e che saranno finanziati dal programma di Traduzioni Letterarie della comunità europea, a cui quest’anno sono stati presentati 242 progetti provenienti da 35 paesi.

L’Italia è tra i Paesi che hanno ricevuto più finanziamenti insieme a Serbia, Bulgaria e Lituania, e la Stilo è una delle tre case editrici italiane il cui progetto presentato è stato valutato positivamente e ammesso a finanziamento.

Il progetto riguarderà la traduzione di sei opere scritte da autori provenienti da Bosnia-Erzegovina, Serbia, Georgia, Cipro, Norvegia e Turchia e si propone, attraverso la loro diffusione, di promuovere in Italia la questione della ricerca di identità, in tutte le sue sfaccettature. Anche se differenti per lingua, contenuto e stile, le opere hanno un filo conduttore comune: sono voci dalle periferie europee, parlano di memoria, di identità perdute e ritrovate, di guerra e immigrazione, di passato e futuro.

Le opere, che nei rispettivi paesi hanno già ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale, saranno pubblicate verso la fine del 2017 e saranno poi promosse nel 2018 coinvolgendo gli stessi autori attraverso festival ed eventi.

Accerchiamento di Carl Frode Tiller, trad. di Margherita Podestà (Norvegia 2007) [tit.orig. Innsirkling]
Città nella neve di Beka Kurkhuli, trad. di Nunu Geladze Fusco (Georgia 2013) [tit.orig. Qalaqi tovlsi]
Più calmo dell’acqua (titolo provvisorio) di Berislan Blagojeviv, trad. di Danilo Capasso (Bosnia 2013) [tit. orig. Tisi od vode]
Ho le mie paure (titolo provvisorio) di Scion Özdem, trad. di Anna Lia Proietti (Turchia 2007) [tit.orig. Korku benim sahibim]
Un album di storie (titolo italiano provvisorio) di Antonis Georgiou, trad. di Valentina Gilardi (Cipro 2016) [tit. orig. Alpoum Istories]
Voci nel vento di Grodzana Olujić, trad. di Danilo Capasso (Serbia 2009) [tit. orig. Glasovi u vetru]