Autori e curatori

AGRIMI NICCOLÒ
Niccolò Agrimi è nato in un paesino dell’Abruzzo alla fine del secolo scorso e vive in un altrettanto piccolo paese della Puglia.
Laureato in Filosofia con studi su R. Rorty, M. Heidegger e L. Wittgenstein, è stato dottore di ricerca presso l’Università degli Studi di Bari, dove ha studiato e scritto del pensiero di J. Deridda. Le sue tesi sono gelosamente custodite presso il polveroso e mal frequentato Dipartimento di Filosofia della medesima università. Ha vissuto a Parigi per motivi accademici, ma per troppo poco tempo e senza conoscere né imparare una sola parola di francese. Nei dieci anni di studi universitari si è salvato dal baratro dell’accademia facendo il cameriere, il raccoglitore di olive, il musicista da strapazzo e andando a infastidire la gente citofonando per lasciare volantini promozionali. Non è mai comparso in televisione né ha mai fatto sport. Si dedica alla scrittura nelle sue varie forme, anche quelle più alte e complesse come la lista della spesa. Ha sempre letto, ma non sempre gli è capitato di leggere qualcosa che lo appassionasse realmente. Ci sono ovviamente delle eccezioni: Borges, Bukowski, Landsdale, Westlake, Gutiérrez, Richler, Bunker, Ellroy, Nove, Bellow e altri che non ricorda. Da tempo preferisce la finzione alla realtà. Per Stilo Editrice ha pubblicato Sgualciti dalla vita. Racconti nudi e soprattutto crudi (2012).

ANGIULI LINO
Lino Angiuli (1946) è nato e vive in Terra di Bari, dove ha diretto un Centro Regionale di servizi culturali, curando, tra l’altro, collane editoriali di carattere territoriale. Come poeta ha pubblicato dodici raccolte in lingua italiana e dialettale, ricevendo riconoscimenti e traduzioni in diverse lingue. La sua produzione poetica, presente in più di cinquanta antologie, è trattata in manuali ed enciclopedie ed è oggetto di un libro monografico curato nel 2006 da Daniele Maria Pegorari (Dal basso verso l’alto. Studi sull’opera di Lino Angiuli). Ha fatto parte di delegazioni ufficiali per scambi culturali con altre nazioni (fra cui Russia, Slovacchia, Francia-Corsica). Ha curato e pubblicato numerosi libri dedicati alla salvaguardia della cultura tradizionale. Ha all’attivo anche un’opera teatrale e una raccolta di racconti. Collaboratore dei servizi culturali della Rai e di vari quotidiani, ha fondato alcune riviste letterarie, tra le quali il semestrale «incroci», che dirige con Raffaele Nigro e Daniele Maria Pegorari per l’editore Adda di Bari. Per la Stilo Editrice ha pubblicato nel 2013 La penna in fondo all’occhio. Esercizi di lettura/scrittura, nella collanaOfficina.

ANGIULI VITO
Provicario generale della diocesi di Bari-Bitonto, insegna presso l’Istituto Teologico Pugliese, Direttore dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Odegitria” di Bari, è autore di numerose opere di carattere filosofico e spirituale, caratterizzate da una grande ricchezza teologica e conoscenza della cultura contemporanea.

ARGENTINA COSIMO
Originario di Taranto, da anni si è trasferito in Brianza, dove insegna Diritto. Ha esordito nel 1999 con il romanzo Il cadetto edito da Marsilio, il primo della ‘quadrilogia tarantina’ cui sono seguiti Cuore di cuoio (ripubblicato da Fandango), Maschio adulto solitario (Manni) e Vicolo dell’acciaio (Fandango). Tra gli altri suoi scritti il pamphlet Beata ignoranza (Fandango). Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Anna a Taranto, un sogno autunnale, inMeridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud (a cura di G. Turi)

AUGELLI ALESSANDRA
Dottoranda di ricerca in Pedagogia presso l’Università Cattolica di Milano. Educatrice professionale e formatrice, esperta in Strategie educative dell’interculturalità. Ha pubblicato diversi articoli sul tema del dialogo interculturale tra cui “Ti neki ti tika”. Incontrare l’Africa nella prospettiva interculturale, in L. Santelli Beccegato, Interculturalità e futuro, Levante, Bari 2003, ed è impegnata nel promuovere la ricerca, la sensibilità e l’amore per l’Africa.

BELLANOVA ADA
Nata a Mesagne il 25 maggio 1979 e cresciuta a Ceglie Messapica, vive a Siena dove si è laureata in Lettere classiche nel giugno 2004 con una tesi sulle ricorrenze ovidiane nell’elegia tardoantica. Nel settembre 2005 ha vinto un concorso di dottorato presso l’Università degli Studi di Siena: per tre anni si è occupata della presenza dei classici greci e latini nell’opera di J.L. Borges. Dal 2005 lavora come insegnante liceale. Ha pubblicato due racconti sulla rivista di Firenze «Caffè Michelangiolo». Sta per uscire una sua raccolta di racconti per una piccola casa editrice. Per Stilo Editrice ha scritto il raccontoTutto il bianco ed il vento che ho, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre».

BELLOLI MARIAGRAZIELLA
Orientalista, si occupa da molti anni di temi legati all’Oriente e alla trasmigrazione dei simboli artistici e culturali dal Levante nella civiltà europea. Su questi argomenti si ricordano i saggi La ricerca del Paradiso. Storia e mito del giardino tra Oriente ed Occidente (Giunti, 2001); Storia e mito della sirena tra Oriente ed Occidente (Laterza, 2001); Raffaele, l’angelo custode (Silvana, 2000); Arte del Kosovo (Stilo, 2000). È inoltre redattrice della rivista internazionale dell’ENEC (Europe Near East Centre) “La porta d’Oriente”.

BERTI ENRICO
Professore ordinario di Storia della filosofia nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Padova.

BIGALLI DAVIDE
Professore ordinario di Storia della filosofia nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Statale di Milano.

BRACCO MICHELE
Insegna Filosofia e Storia nei licei e ha tenuto per alcuni anni seminari di storia della filosofia e di antropologia filosofica all’Università di Bari. Redattore della rivista «Philosophema», collabora con alcuni fra i più importanti psichiatri italiani di orientamento fenomenologico e svolge attività di ricerca presso il Centro Italiano di Ricerche Fenomenologiche di Roma (affiliato a The World Phenomenology Institute – U.S.A.) e il Centro Studi Interdisciplinari di Chiavari. È autore di numerosi saggi pubblicati su riviste e in volumi. Ha curato la voce ‘Prossemica’ dell’Universo del corpo per l’Enciclopedia Treccani. Per la Stilo Editrice ha pubblicato Sulla distanza. L’esperienza della lontananza e della vicinanza nelle relazioni umane ed è autore e curatore di Nietzsche e la poesia (2012).

CACUCCI FRANCESCO
Arcivescovo di Bari-Bitonto

CAIAFFA ANNALISA
vive a Cerignola (FG), e ha compiuto i suoi studi nella Facoltà di Lettere e Filosofia di Bari, dove ha conseguito brillantemente la laurea triennale in Lettere e quella specialistica in Filologia moderna, discutendo due tesi in Filologia e critica dantesca, rispettivamente con i professori Domenico Cofano e Daniele Maria Pegorari. È al suo esordio assoluto come autrice.

CANFORA LUCIANO
Luciano Canfora è professore emerito dellʼUniversità di Bari. Dirige i «Quaderni di storia» e collabora con il «Corriere della Sera». Tra le sue pubblicazioni più recenti ricordiamo: La meravigliosa storia del falso Artemidoro (Sellerio, 2011); Il mondo di Atene (Laterza, 2011); Gramsci in carcere e il fascismo (Salerno, 2012); Spie, URSS, antifascismo. Gramsci 1926-1937 (Salerno, 2012); La guerra civile ateniese (Rizzoli, 2013); La crisi dell’utopia. Aristofane contro Platone (Laterza, 2014); Augusto. Figlio di dio (Laterza, 2015); Tucidide. La menzogna, la colpa, l’esilio (Laterza, 2016); La schiavitù del capitale (il Mulino, 2017).

CAPRARO OSVALDO
Vive e insegna a Monopoli (BA). Dopo Il pianeta delle isole rapite (la meridiana), ha pubblicato il noir Né padri né figli (e/o), con cui ha vinto nel 2006 il premio Città di Bari. Ha partecipato alle antologie Qualcosa da dire. Voci di una Puglia migliore (Kora) e Ogni maledetta domenica (minimum fax). Suoi articoli e lavori sono apparsi su «Lo Straniero» e «Nuovi argomenti». Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Il sopra e il sotto in Meridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud (a cura di G. Turi).

CAPUTO ANNALISA
Studiosa a livello internazionale del pensiero di Heidegger, è assegnista di ricerca nel dipartimento di Scienze filosofiche dell’Università di Bari e docente di filosofia e storia nella scuola superiore. Da diversi anni si occupa di problematiche relative al Sacro e alla secolarizzazione; di recente ha inoltre conseguito il Magistero in Scienze teologiche. Segretaria di redazione della rivista di critica filosofica “Paradigmi”, ha pubblicato numerosi saggi e articoli relativi a Nietzsche, Heidegger e, più in generale, alle problematiche ontologico-sacrali in diverse riviste, volumi collettanei e atti di Convegni internazionali. È autrice di rigorose opere di carattere storico-filosofico tra cui:Terra incontaminata. Percorsi di ricerca nella filosofia di M. Heidegger(Levante, 1999); Vent’anni di recezione heideggeriana (1979-1999). Una bibliografia (Franco Angeli, 2001); Pensiero e affettività: Heidegger e le ‘Stimmungen’ (1889-1928) (Franco Angeli, Milano). Per la Stilo Editrice ha pubblicato La filosofia e il sacro. Martin Heidegger lettore di Rudolf Otto(2002),  Io e tu. Una dialettica fragile e spezzata. Percorsi con Paul Ricoeur(2009) ed è autrice e curatrice di Nietzsche e la poesia (2012).

CARATOZZOLO MARCO
Ricercatore, insegna Lingua e letteratura russa presso la facoltà di Lingue e letterature straniere dell’Università degli studi di Bari ‘Aldo Moro’ ed è autore di vari saggi sulla letteratura della tarda avanguardia e dell’emigrazione russe. Da anni collabora, nell’ambito di ricerche sull’Ottocento e il Novecento russo, con i proff. Rosanna Casari, Ugo Persi e Maria Chiara Pesenti, che insegnano nell’Università degli studi di Bergamo, presso la Cattedra di Slavistica istituita nel 1968 da Nina Kauchtchischwili. Per la Stilo Editrice il prof. Caratozzolo ha curato il volume Dostoewskij e la tradizione (2010).

CARLUCCIO MANUELA
docente nella scuola secondaria di secondo grado, ha conseguito il diploma di laurea presso l’Accademia di Belle Arti di Bari e vinto la borsa di studio al “Concorso per tesi di laurea sul Barocco” indetto dal Centro Studi sulla Cultura e sull’Immagine del Barocco e dall’Ente Giostra della Quintana di Foligno. Disegnatrice e pittrice dai molteplici interessi ha illustrato il libro Il Cielo nel Cuore di fra Alfredo di Napoli (ed. Radarsei), partecipato a diverse mostre tra le quali “Il tempo di Niccolò Piccinni”, presentata al Castello normanno-svevo di Bari, dove ha operato come macchinista della “Maquette de Ruy” di Michel Dumont.

CASELLA ALFONSO DIEGO
Nato in Puglia, dopo aver vissuto a Londra e a Strasburgo, ora risiede in Toscana. Ha pubblicato il romanzo Cicoria (2008). Con una prefazione di Antonio Tabucchi, e Zero al 100%. gestisce il blog «Karakirisushi». Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Hotel Escort, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre».

CASSANO FRANCO
Docente di sociologia della conoscenza presso l’Università degli Studi di Bari.

CASSANO MICHELE
Sacrista della Cattedrale di Bari e Presidente dell’Unione Diocesana Sacristi, è innamorato della città antica, del suo ricco patrimonio artistico e della sua gente. Con interesse ha studiato le sculture di animali che abbelliscono la Cattedrale di Bari, pubblicando Cristo nel Bestiario della Cattedrale di Bari(Ecumenica, 2000). Ha sempre rivolto un’attenzione particolare al mondo dei ragazzi, al quale si accosta con gioia e fantasia, come attesta anche la sua precedente pubblicazione “…una bella giornata di sole”. I fanciulli ci insegnano a pregare (L’Arco e la Corte, 2001).

CEGLIE ANGELO
Direttore artistico del cinema Kursaal Santalucia di Bari, è da sempre impegnato nella promozione del cinema di qualità e della cultura del cinema. Scrive abitualmente sulle più importanti riviste di critica cinematografica e promuove dal 1996, con continuità e professionalità, Filmmaker, la più importante manifestazione cinematografica della città, seguita da un pubblico appassionato e colto.

CISTERNINO FRANCESCO
Nato a Bari il 30 gennaio 1977, nel 2000 si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università ‘Aldo Moro’ del capoluogo pugliese dove, nel 2009, ha poi conseguito il titolo di dottore di ricerca in Diritto ed Economia dell’Ambiente. Appassionato di storia delle istituzioni e tradizioni locali e attivo presso diverse associazioni politiche e di volontariato, è autore di diversi articoli e saggi brevi di tema giuridico. Nel 2006 ha pubblicato una raccolta di racconti intitolata Luce in ombra (Il Filo). Dopo circa due anni passati all’estero e nel Nord Italia per ragioni di studio e di lavoro, nel luglio 2009 è ritornato a Bari dove attualmente esercita la professione di avvocato. Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Il naufrago, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre» (2011) e un racconto contenuto nel libro Nel regno delle chimere. Il dono della vita oltre il dolore, di Laura Regano (2010).

COBALTINI LETIZIA
Nata nel 1961 a Bari e laureata in Scienze Politiche, ha lavorato nell’ambito della partecipazione attiva dei cittadini alle politiche di sviluppo delle città e ha collaborato alla realizzazione del Libro Bianco sull’Inclusione sociale per un progetto europeo.
Socio fondatore dell’Associazione Italiana Responsabili Uffici di Direzione (AIRUD), che opera in ambito sanitario, collabora attivamente con la Fondazione Alzheimer Gianni Perilli Onlus per il sostegno delle famiglie con prenti affetti dal morbo di Alzheimer. Nel tempo libero canta nel coro polifonico barese ‘Ottavio De Lillo’. Ha èubblicato per Stilo Editrice la sua prima raccolta di poesie, Come di seta l’inchiostro (2012).

COLELLA SABINA
Nata a Monopoli nel 1978. Laureatasi in Lettere, con una tesi in Letteratura italiana, presso l’Università di Bari, vi ha proseguito gli studi conseguendo nel 2007 il Dottorato di ricerca in Italianistica. Dopo aver esordito nel 2005 col saggio Il riso e la divinità: da Palazzeschi al cinema americano («incroci», 11) e con l’intervento su Prezzolini organizzatore di cultura (letto al convegno “Le più forti amicizie. Natalino Sapegno e una generazione di intellettuali”, Fac. di Lettere e Filosofia di Bari), ha concentrato la sua attenzione su Borgese al quale ha dedicato alcuni contributi destinati a volumi collettanei: G.A. Borgese poeta americano (2006), “L’Arciduca”, un dramma storico di G.A. Borgese (2007), Tra utopia politica e innovazione letteraria: riflessioni sull’esilio americano di G.A. Borgese (in corso di stampa). I suoi studi intorno alla letteratura sulla conquista del Messico sono documentati anche dall’intervento su Conflitti di religione e civiltà in tre libretti del Settecento (letto nel 2007 al convegno “Sacro e/o profano nel teatro fra Rinascimento ed Età dei Lumi”, Fac. di Lettere e Filosofia di Bari).

COVIELLO FRANCESCO ELIOS
Nato a Bari il 12 gennaio 1994, studente del Liceo classico ‘Socrate’ di Bari, è autore di racconti e poesie, collabora con la rivista scolastica «La Canestra». Ha partecipato più volte a concorsi proposti da istituzioni scolastiche e letterarie. Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Il sorriso di Pietro, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre» (2011).

DAMIANI UGO
Docente di materie letterarie nella scuola superiore; è autore di racconti e novelle che colgono con efficacia la complessa realtà dell’esistenza.

D’AMARO SERGIO
è uno dei più importanti studiosi italiani di C. Levi. Ne ha infatti pubblicato una rigorosa biografia, Un torinese del Sud (in coll. con G. De Donato, Baldini Castoldi Dalai, 20052). Dello scrittore-pittore ha, inoltre, curato altri lavori e due convegni di studio. Collabora alle pagine letterarie di quotidiani e riviste («La Gazzetta del Mezzogiorno», «Il ponte», «Stilos», «incroci» ecc.). Tra i titoli più significativi: Il ponte di Heidelberg (Tracce, 1990), Beatles(Caramanica, 2004), Terra dei passati destini (Manni, 2005), Fotografie e altre istantanee (Sentieri Meridiani, 2008), 20th Century Vox (Carabba, 2009), Romanzo meridionale (Besa, 2010). Suoi testi sono inseriti in alcune antologie (ultima quella proposta in traduzione spagnola sulla rivista argentina “Proa”). Per la sua attività letteraria ha ricevuto alcuni riconoscimenti: ‘Lerici-Golfo dei Poeti’, ‘Adelfia’, ‘Penne’, ‘Rhegium Julii’, ‘Vico del Gargano’. Dirige la rivista «Frontiere» per il Centro Studi Emigrazione e il Centro Studi “J. Tusiani” nella città di residenza, San Marco in Lamis (FG).

D’ELIA DAMIANO
Docente del Corso di laurea sulla Formazione Continua presso l’Università degli Studi di Foggia. Ha insegnato storia e filosofia nei licei, pedagogia, filosofia e psicologia negli istituti magistrali, Assistente alla cattedra di Sociologia della facoltà di Magistero di Bari, Preside nei licei e negli istituti magistrali, Segretario generale dell’IRRSAE Puglia. È autore di saggi e articoli inerenti problematiche di sociologia scolastica, legislazione ed educazione degli adulti con particolare attenzione alla scuola nel Mezzogiorno; tra questi:Questione scolastica e Mezzogiorno (Adda, 1977), Cultura e questione educativa nel Sud (Ecumenica, 1980), Il concretismo educativo di G. Salvemini (Dedalo, 1983). Altri contributi si trovano su riviste quali “Puglia-Scuola”, “Quaderni IRRE” e “Rivista dell’istruzione”.

DELLISANTI RUGGIERO MARIA
Nato a Barletta nel 1954, si è laureato nel 1978 in Scienze geologiche presso l’Università degli Studi di Bari. Nel tempo, la sua professione di geologo, esercitata con passione per la conoscenza e la tutela del territorio, associata ad una intensa attività didattica come docente di Geografia economica in un Istituto Tecnico Statale, lo ha portato ad impegnarsi sempre di più nella tutela del fiume Ofanto. Per le sue competenze professionali ha ricoperto l’incarico di consulente del magistrato inquirente nell’operazione “Fiume rubato”. Come docente, è riuscito a trasmettere ai suoi studenti la passione per l’ambiente e il territorio. Autore di saggi, è stato relatore in convegni a tematica ambientale. Come geologo, ha affidato alla storia, con il suo nome, un gruppo di sei cavità carsiche scoperte nel territorio di Minervino Murge.

DE NATALE FERRUCCIO
Professore straordinario di Ermeneutica filosofica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bari.

DE PASQUALE MARIO
Docente di filosofia nella scuola superiore, coordinatore della Commissione Didattica della Società Filosofica Italiana, direttore editoriale di “Comunicazione Filosofica”, è autore di numerose opere dedicate a promuovere la filosofia per tutti.

DE PALMA ROSSELLA
Rossella De Palma è nata a Trani nel 1983. Dopo la maturità classica ha completato gli studi italianistici presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Bari ‘Aldo Moro’, conseguendo dapprima la laurea triennale in Lettere e poi la laurea magistrale in Filologia Moderna, con una tesi in Letteratura italiana moderna e contemporanea su Luigi Malerba, di cui il volume Lo scrittore indignato. Sperimentalismo, erotismo e critica sociale in Luigi Malerba (2012) costituisce una rielaborazione e un approfondimento.


DE SANTIS ANTONIO
DEPALO CORSINA
Corsina Depalo è un’insegnante scuola primaria, nello specifico di sostegno, in costante aggiornamento e movimento; attenta a tutto ciò che attiene le diversità, è molto attiva nel sociale. Ha conseguito la laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione con indirizzo interculturale, la laurea magistrale in Scienze pedagogiche presso l’Università di Bari e un Master in ‘Etica della pace, diritto ed educazione alla salute’: lavoro e studio si intrecciano costantemente per poter supportare, con la teoria, la prassi di volontariato, che comprende l’impegno con i Rom. È vicepresidente dell’associazione di volontariato per l’auto-aiuto ‘Lo Specchio’ di Bari, docente referente ANFFAS (Bari e provincia), referente per l’Ufficio scolastico regionale (Prefettura di Bari) del gruppo operativo del progetto ‘Accrescere le competenze degli operatori sul fenomeno Rom’ (Fase 2 Networking).
Il volume  Educare al consumo. Il Commercio Equo e Solidale per una cittadinanza attiva (2012) è frutto del proficuo interscambio fra le ricerche condotte con la supervisione della professoressa Santelli Beccegato e il Progetto ‘Educare al consumo’, condotto nella scuola primaria ‘San Giovanni Bosco’ di Giovinazzo, in cui ha insegnato, a cui si aggiunge il fondamentale apporto dell’insegnamento di Sociologia delle relazioni etniche, del professor Pedro Miguel.

Nato a Bari il 13 gennaio 1938, sacerdote dal 1964, è stato collaboratore parrocchiale nelle comunità di S. Girolamo, S. Pasquale e del Sacro Cuore in Bari, Cappellano delle suore “Figlie di S. Anna” dell’Istituto S. Rosa, poi vice-direttore dell’Ufficio pastorale della diocesi di Bari-Bitonto e Delegato arcivescovile per le Confraternite. Ha insegnato Liturgia e Storia della Chiesa presso la Scuola superiore per religiose “Regina Apostolorum”. Ha collaborato al settimanale diocesano «Tempi Nostri» e al periodico mensile «Il Confratello». Dal 1979 è Rettore della chiesa di S. Domenico e padre spirituale dell’annessa Arciconfraternita “Maria SS. del Rosario”. È mansionario del Capitolo metropolitano di Bari.

DE STEFANO PAOLO
Paolo De Stefano, allievo di Luigi Russo alla Scuola Normale Superiore di Pisa negli anni Cinquanta, è stato a Taranto docente di Lettere italiane e latine nello storico liceo ‘Archita’ e poi preside del liceo classico ‘Quinto Ennio’, divenuto per opera sua attivo polo culturale della città con la creazione nel 1985 del Centro Studi di Italianistica e della rivista «L’Arengo». Instancabile animatore della vita culturale tarantina, De Stefano scrive regolarmente sul «Corriere del Giorno» e tiene seminari di Letteratura italiana nella sede ionica dell’Università degli Studi di Bari. Titolare di medaglia d’oro del Ministero dell’Istruzione e membro ordinario dell’Accademia Pugliese delle Scienze, ha al suo attivo molteplici pubblicazioni, dedicate sia ad autori di origine tarantina (tra cui le Deliciae Tarentinae dell’umanista Tommaso Niccolò d’Aquino, Pater e Pricò di Cesare Giulio Viola), sia ai grandi classici della letteratura italiana, in particolare ai prediletti Dante e Pascoli. Per Stilo Editrice ha pubblicato L’ombra. Giovanni Pascoli frammenti di un’anima(2012).

DIANA VITO
Sacerdote, direttore della Caritas di Bari dal 1979 al 1987, ha testimoniato, durante tutta la sua vita, l’amore di Gesù per i poveri e per la povertà.

DI MAGLIE DANIELE
Daniele Di Maglie è un cantautore cresciuto al quartiere Tamburi di Taranto. Con il disco ‘Non so più che cosa scrivo’ ha girato l’Italia in tour e vinto numerosi premi. Vive in provincia di Bari e fa l’educatore in un Centro diurno per dissidenti psichici, confrontandosi, giornalmente, con un multiforme palinsesto di mondi immaginari. L’altoforno. L’Ilva nei racconti e nelle canzoni di un cantautore di Taranto (2012) è il suo primo libro; per i tipi del Grillo Editore ha pubblicato il romanzo distopico La ballata dei raminghi adirati.

DI MONOPOLI OMAR
Dopo aver trascorso un decennio a Bologna, è tornato in Puglia e attualmente risiede a Manduria. È il creatore di un nuovo genere denominato ‘western pugliese’, di cui sono espressione i romanzi Uomini e cani, Ferro e fuoco, La legge di Fonzi, tutti pubblicati con ISBN. Tra le antologie a cui ha partecipato,Sangu! (Manni) e Dizionario affettivo (Fandango). Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Nostro Signore, l’Uomo-Purpu, in Meridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

FANELLI MICHELE
Presidente del Circolo A.C.L.I. “E. N. Dalfino” dal 1994, profondo conoscitore delle tradizioni e della storia di Bari vecchia, in cui vive e opera, è impegnato da molti anni, attraverso molteplici iniziative, nella promozione della rinascita del suo quartiere. Appassionato di teatro e letteratura, ha composto numerose opere tra cui la commedia in dialetto barese dal titolo Bari Vecchia. Ajire rappresentata anche al Teatro Piccinni di Bari. Nel 1998, ha curato la pubblicazione di Cuore antico batte ancora, guida alla conoscenza delle tradizioni e della storia di Bari vecchia.

FERRI GIOVANNI
Economista, Giovanni Ferri ha conseguito il Ph.D. in Economics alla New York University ed è professore ordinario di Economia politica all’Università di Bari ‘Aldo Moro’. La sua attività di ricerca lo ha portato a vivere negli Stati Uniti (a Washington, sede della Banca Mondiale, e alla Princeton University) e in Asia (alla Hong Kong Monetary Authority, alla Tokyo University e all’Asian Development Bank Institute). Ha lavorato a lungo per il Servizio Studi della Banca d’Italia. Come consulente ha vari incarichi a livello nazionale e internazionale. Le sue ricerche si concentrano spesso sui malfunzionamenti del mercato: instabilità e regolamentazione della finanza, agenzie di rating, conseguenze delle migrazioni. Si occupa di sostenibilità anche attraverso la ‘Scuola di San Nicola per il dialogo interculturale’ (www.saintnicholas-school.com) – un’istituzione non-profit che mira ad arricchire la società, con radici etiche laiche e approccio interdisciplinare –, che ha ideato e contribuito a costruire. Per Stilo Editrice ha pubblicato Sconfinando. Poesie da viaggio(2012).

FETIU SEFEDIN
Docente all’università di Prishtina, è autore di numerosi romanzi e opere letterarie.

FORTE BRUNO

Preside della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, autore di fondamentali opere teologiche e spirituali radicate all’interno della tradizione culturale e spirituale del Meridione.

GENISI GABRIELLA
Vive in Provincia di Bari ed è tra le organizzatrici del Festival del Libro Possibile a Polignano a Mare (BA). Ha pubblicato Come quando fuori piove(Manni), Il pesce rosso non abita più qui (La Fenice) e con la Sonzogno La circonferenza delle arance, primo della serie di romanzi con protagonista il commissario Lolita Lobosco. Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Le mamme del Sud, in Meridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

GERMINARIO MARIO
Sacerdote “rogazionista”, è laureato in Teologia presso l’università Gregoriana e in Filosofia presso l’università Lateranense in Roma. Docente per molti anni di filosofia sistematica, ha pubblicato opere di teologia, antropologia e filosofia. In tutti i suoi scritti il rigore di una formazione “scolastica” si incontra con la capacità di confrontarsi con la cultura moderna producendo contributi di grande profondità. Tra questi: I nuovi termini della vita religiosa(Rogate 1983); Il carisma nella teologia della grazia (Rogate 1996); L’uomo progetto vocazione (Rogate 1999); La pena di morte: tesi e antitesi a confronto (Schena, 2000); Le antinomie dell’estetica (IDC Press, 2001);L’uomo senza vocazione. Chi ha paura del dio biblico: dall’eclissi al tramonto dell’uomo (Schena, 2001).

GIABAKGI MARIA ISABEL
Formatasi con Domenico Cofano a Bari, dove si è laureata con una tesi in Filologia e critica dantesca, Maria Isabel Giabakgi (1973) nel 2004 ha conseguito col compianto Michele Dell’Aquila un dottorato di ricerca in Discipline linguistiche, filologiche e letterarie e pubblicato, tra gli altri saggi,Anton Giulio Barrili, un garibaldino critico di Dante (2002); L’ultimo Fogazzaro nella rivista italo-ticinese «Coenobium» (2004); “Poesia” e il cenacolo dell’Abbaye (2006); Il tema del Conclave nella narrativa otto-novecentesca(2007); Fogazzaro e Dante (2008).
Dal 2004 collabora alle attività scientifiche e didattiche delle cattedre di Letteratura italiana della Facoltà di Lettere e Filosofia di Foggia.

GIAMPIETRO ANTONIO
Antonio Giampietro (1980), laureatosi in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari ‘Aldo Moro’, è Dottore di Ricerca in Italianistica. I suoi studi spaziano dalla letteratura italiana contemporanea (Serra, Solmi e la produzione pugliese) alla letteratura francese dei primi del Novecento (Péguy), fino alle politiche sociali contro la discriminazione dei disabili e per la cooperazione allo sviluppo, e la prevenzione, gestione e risoluzione dei conflitti. Segretario della sede barese dell’Associazione dei Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani, è stato tra i fondatori della FAL Vision, la prima casa editrice Braille pugliese. È anche autore di un libretto di liriche: Ma tu sei il vento, Sentieri Meridiani, Foggia 2009. Per Stilo Editrice, nella collanaOfficina, ha pubblicato Sergio Solmi critico militante. Un itinerario nella letteratura italiana del Novecento (2012).

GIGLIO FRANCESCA (1983)
vive a Gravina di Puglia (Ba) e ha compiuto tutti i suoi studi nella Facoltà di Lettere e Filosofia di Bari, dove ha conseguito brillantemente la laurea specialistica in Filologia moderna, discutendo una tesi in Letteratura italiana col prof. Pasquale Voza. È al suo esordio assoluto come autrice.

GOFFREDO GIUSEPPE
Risiede ad Alberobello (BA). Al Medidione, d’Italia e del mondo, ha legato al sua attività di poeta, scrittore, operatore culturale; dirige la Poiesis Editrice e organizza annualmente i Seminari di Marzo. Tra le sue pubblicazioni: il saggioCadmos cerca Europa (Bollati Boringhieri), il romanzo Con i fiori dei mandorli in faccia (Palomar) e la raccolta lirica Canto e oblio (Poiesis). Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Anche oggi mangio sabbia, in Meridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

GRASSO DAVIDE
Davide Grasso – davidegrasso@cryptolab.net – ha viaggiato a lungo tra America ed Europa, vivendo a Torino, Parigi, Berlino, Londra e, dopo il 2010, a New York, la città da cui ha ricevuto le impressioni più intense. Ha pubblicato numerosi scritti a carattere politico, artistico-musicale e autobiografico sul web, alcuni dei quali raccolti sul blog Quiete o tempesta.
Scrive sulla «Rivista di Estetica» e su altre riviste scientifiche articoli sulla scrittura, sull’arte e sul loro rapporto con la realtà sociale. Per la prima volta, in questo libro, cerca di trasmettere con ironia e sarcasmo la complessità folle, esaltante e drammatica della città più famosa del pianeta, di cui ha attraversato le frontiere contraddittorie, passando dai luoghi più vivi della realtà di strada a quelli eccentrici e affascinanti delle passerelle di moda, percorrendo senza tregua le arterie sotterranee della leggendaria metropolitana. Per la Stilo Editrice ha pubblicato New York Regina Underground. Racconti dalla Grande Mela (2013).

ILLETTERATI LUCA
Professore associato di Filosofia teoretica nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Padova.

LABELLARTE ALBERTO
Alberto Labellarte (classe 1987) è nato e vive a Valenzano (BA). Ha compiuto i suoi studi presso l’Università degli Studi di Bari ‘Aldo Moro’ dove nel 2009 ha conseguito la laurea triennale in Filosofia con la tesi Critone e le Leggi. Legge morale e legge scritta; nel 2011 la laurea magistrale in Scienze filosofiche con la tesi Logica, conoscenza e filosofia della natura in Guglielmo di Ockham; nel 2015 il dottorato di ricerca in Filosofia e Storia della Filosofia con la tesi La Legge d’Oresme, Biel e Copernico. Ha già pubblicato Critone e le Leggi (Firenze Atheneum, 2010), e Logica, conoscenza e filosofia della natura in Guglielmo di Ockham (Albatros, Milano2015).

LACIRIGNOLA CHIARA (1982)
vive a Bari dove ha compiuto i suoi studi nella Facoltà di Lettere e Filosofia e ha conseguito la laurea specialistica in Filologia moderna, discutendo una tesi in Storia della critica e della storiografia letteraria con la prof.ssa Lea Durante. È al suo esordio come autrice.

LACIRIGNOLA VITO
nato nel 1951, risiede a Bari. Professore di storia e filosofia nei licei, interessato ai problemi del volontariato e della cooperazione internazionale, si è impegnato nella promozione di studi e ricerche sui problemi dell’immigrazione, della povertà e dello sviluppo. Ha diretto il notiziario internazionale “informAlbania” e curato la pubblicazione dei volumi Le ali della farfalla (1996), Albania oggi (1998) e Povero con i poveri (2000).

LADARIA LUIS F.
Docente di Teologia sistematica presso l’Università Gregoriana di Roma, disserta sullo stato attuale della teologia cattolica sul pluralismo religioso.

LA ROSA CARMELO
Già direttore della Caritas della diocesi di Acireale, è da circa 10 anni missionario Fidei Donum in Albania. Qui ha operato nei villaggi di Zheja e Mamurras ricoprendo anche l’incarico di Direttore della Caritas della diocesi di Durazzo-Tirana. Fecondo scrittore, ha pubblicato numerosi libri di spiritualità. Tutte le sue pubblicazioni sono rivolte, attraverso una meditazione ispirata dalla fede, a cogliere la presenza di Dio nella storia e nella vita. Sostenuto da una significativa esperienza di impegno religioso e sociale, l’autore sa farci partecipi di una tensione verso l’Assoluto di Dio, che ha saputo “umiliarsi” condividendo le nostre gioie e i nostri dolori, volendoci non spettatori ma autentici costruttori di pace.

LATORRE MARIA PIA
Nata a Bari nel 1964, insegna da oltre vent’anni nella scuola primaria. Si è dedicata al volontariato sociale e all’associazionismo culturale, ha partecipato a vari concorsi di poesia, ottenendo diversi riconoscimenti. Ha pubblicato, per Adda Editore, Raccontinascensore (2008) e Strade strambe (2009). Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Estate, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre» (2011).

LAVARRA LUCIANO
È impegnato attivamente nella promozione culturale della sua città, anima con particolare impegno manifestazioni di stile carnascialesco (Propaggini, gruppo “A crianz”). La sua più grande passione è il teatro; una passione che abbraccia le diverse fasi del lavoro teatrale: dalla scrittura del testo alla messa in scena.

LOIZZO LORENZO
Nato ad Altamura nel 1975, dopo gli studi liceali si è iscritto alla facoltà di Lettere moderne con indirizzo storico-sociale presso l’Università di Bari, conseguendo la laurea nel 2001. Attualmente lavora presso un’azienda come commerciale estero. Nel tempo libero scrive per il giornale locale «Il resto» e fa teatro amatoriale con la compagnia «Effetti non previsti». Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Inconscia ribellione, nella raccolta La Puglia ieri oggi e domani, pubblicazione del concorso di «Puglialibre» (2011).

LONGO ANDREJ
Nato a Ischia, si è laureato in Lettere al DAMS di Bologna; dopo aver collaborato come autore per opere teatrrali, radiofoniche e cinematografiche ha esordito nel 2002 con i racconti di Più o meno alle tre (Meridiano Zero). Con Rizzoli ha pubblicato Adelante e con Adelphi i racconti raccolti in Dieci(Premio Bagutta, Premio Piero Chiara) e il romanzo Chi ha ucciso Sarah? Per Stilo Editrice ha scritto il racconto Se si sveglia è un miracolo, inMeridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

LUPO MICHELE
Nato a Buenos Aires, vive a Tivoli, dove insegna nella scuola pubblica. Il suo primo viaggio lo fa in nave, a nove mesi: dura ventinove giorni, dal sud più remoto del mondo al piccolo Sud d’Italia. Neppure maggiorenne lavora prima in un ristorante a Berlino e poi in una fabbrica dell’hinterland romano. Prima di laurearsi in Lettere all’università ‘La Sapienza’ di Roma compie studi musicali presso il conservatorio de L’Aquila.
Avendo vissuto in Campania, Lazio e Lombardia ha constatato, in quello che la tradizione letteraria italiana ha vanamente sognato come il ‘Bel Paese’, la persistenza di molti sud.
Ha pubblicato numerosi racconti su riviste letterarie, il saggio Elementi carnevaleschi nel Decameron (Loffredo Editore 1992), il romanzo L’onda sulla pellicola (Besa Editrice 2004).
L’ennesimo sud lo ha raccontato in un reportage sulla Cambogia apparso sull’«Unità» nel 2009 e prossimamente sul numero 13 della rivista «Crocevia» (Besa Editrice). Nel corso del 2011 sarà pubblicato il suo secondo romanzo. Collabora con «Il paradiso degli orchi» e «La poesia e lo spirito»: vi scrive, con marcata vis polemica, di libri altrui, scuola e disastri italiani diffusi. Il suo blog è michelelupo.blogspot.com e il suo indirizzo mail michele.lupo@tin.it.
Per Stilo Editrice ha pubblicato I fuoriusciti. Storie di fughe, ritorni e trascurabili vendette (2010).

MAGNISI MATTEO
Matteo Magnisi è nato e vive a Bari. Ha lavorato come bancario per quarant’anni ed è stato formatore sindacale e rappresentante dei lavoratori. Da trent’anni è impegnato nell’ambito della cittadinanza attiva e del volontariato, con particolare attenzione ai diritti umani. È fondatore della cooperativa sociale ‘Occupazione e Solidarietà’ ed è stato presidente dell’associazione di volontariato ‘Famiglie per i tossicodipendenti’. Dal 1999 al 2004 ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale. Sostiene da dodici anni la comunità rom rumena stanziata nel quartiere Japigia di Bari svolgendo in particolar modo un ruolo di guida nel progetto della cooperativa sociale ‘Artezian’, nata su iniziativa della stessa comunità per dare lavoro a uomini e donne rom. All’esperienza accompagna una solida formazione teorica: dopo la laurea triennale in Scienze dell’Educazione e Formazione con indirizzo interculturale sta per conseguire la laurea magistrale in Scienze Pedagogiche. Per Stilo Editrice ha pubblicato Rom oltre il campo. Storie di inclusione e formazione (2012).

MARCUCCI GIULIA
Giulia Marcucci è ricercatrice presso lʼUniversità per Stranieri di Siena dove insegna Lingua e traduzione russa. Si occupa di letteratura e cinema russi contemporanei, di didattica e di problematiche linguistiche del russo dagli anni Novanta a oggi. È autrice di articoli e saggi, e di una monografia dal titolo Lo scrittore bifronte: Anton Čechov tra letteratura e cinema (1909-1973). Ha tradotto opere di saggistica e romanzi di autori contemporanei russi come Andrej Astvacaturov e Michail Elizarov, lʼopera di Nikolaj Anciferov La Pietroburgo di Dostoevskij, racconti di Dmitrij Prigov, Lev Rubinštejn, Olʼga Slavnikova, Olʼga Novikova e di altri autori del panorama letterario russo odierno.

MARTIRADONNA ANGELA
Nata a Bari nel 1977, si è laureata presso l’Università degli Studi di Bari in Scienze dell’educazione; nella stessa università ha poi conseguito il titolo di dottore di ricerca in Dinamiche formative ed educazione alla politica. Nel 2005 ha pubblicato Donne, interculturalità e pace (Ed. Levante): un approfondito studio delle dinamiche che caratterizzano il contributo delle donne alla costruzione di una società interculturale e di pace. Dal 2006 è redattrice per la Puglia del Dossier Statistico Immigrazione Caritas/Migrantes e collabora con diverse istituzioni, associazioni ed enti per la realizzazione di progetti di educazione interculturale e l’allestimento di scaffali multiculturali.

MASSAFRA ANGELO

Nato a San Marzano di San Giuseppe (Taranto), arbëresh (italo-albanese), è stato ordinato sacerdote nel 1974 a Lecce e ha ricoperto incarichi come Predicatore, Formatore e Definitore in diverse località e istituzioni della sua Provincia Francescana. Arrivato in Albania nel 1993 per la formazione dei giovani candidati albanesi alla vita religiosa dell’Ordine, è stato inizialmente maestro dei novizi e parroco della parrocchia di Troshan (Lezhë). Nominato primo vescovo della diocesi di Rrëshen e amministratore apostolico della diocesi di Lezhë, è stato consacrato vescovo nel 1997 da Papa Giovanni Paolo II, nella Basilica di San Pietro in Vaticano. Nel 1997 è stato nominato Amministratore Apostolico dell’arcidiocesi di Scutari e della diocesi di Sappa, nel 1998 Arcivescovo metropolita di Scutari, e nel giugno dello stesso anno ha ricevuto dalle mani del Papa il Pallio. Nell’ottobre del 2000 è stato nominato membro del Pontificio Consiglio “Cor unum”.

MAURIZIO MASSIMO
Massimo Maurizio è ricercatore di Lingua e letteratura russa presso l’Università degli Studi di Torino. Si occupa di poesia contemporanea e di letteratura russa non ufficiale del periodo staliniano. È autore di numerosi articoli e saggi e di due monografie: Bespredmetnaja junost’ Andreja Egunova: tekst i kontekst (lzd-vo Kulaginoj-Intrada, 2008) e Prossima fermata: Cremlino. Percorsi reali e immaginari per la Mosca letteraria (Bonanno, 2011). La sua attività di traduttore verte sulla poesia russa del XX secolo, con particolare attenzione agli ultimi tre decenni. Nel 2013 ha curato e tradotto «La massa critica del cuore…». Antologia di poesia russa contemporanea (Mimesis-Hebenon).


MEDICI
FRANCESCO
Italianista e studioso della letteratura araba d’emigrazione, è membro ufficiale dell’International Association for the Study of the Life and Work of Kahlil Gibran (University of Maryland).
Tra i maggiori traduttori in Italia dell’opera gibraniana, è autore di numerosi contributi critici sul celebre poeta-pittore libanese e su altri letterati arabi della diaspora.
Nel 2014 ha tradotto e curato per i tipi di Mesogea Il Libro di Khalid di Ameen Rihani, il primo romanzo in inglese pubblicato da uno scrittore arabo in America (New York, 1911). Per la Stilo ha inaugurato la collana ‘Officina’ con la monografia Luzi oltre Leopardi. Dalla forma alla conoscenza per ardore(2007) e ha curato l’antologia Poeti arabi della diaspora (2015) per la collana ‘Ciliegie’.

 

MICUNCO GIUSEPPE
È nato a Bari (1945), ove risiede. Professore di latino, greco e greco biblico, studioso dal grande rigore critico e dai molteplici interessi, ha curato ricerche che spaziano dal mondo classico, all’intercultura, all’agiografia e alla spiritualità. Scrive su riviste scientifiche tra cui «Invigilata lucernis» del Dipartimento di studi classici e cristiani dell’Università di Bari, approfondendo i temi legati all’incontro tra tra la cultura classica e la cultura cristiana, ed è collaboratore dell’UTET per la collana dei classici latini. È autore di più di trenta pubblicazioni tra cui: Praesentia numina. Catullo e il ‘dio vicino’ (1996),Inno in onore del beatissimo martire Lorenzo di Aurelio Prudenzio Clemente(1999), Panegirici latini (a cura di D. Lassando e G. Micunco) (2001), Sine dominico non possumus. I martiri di Abitene e la Pasqua domenicale (2004). Per la Stilo Editrice è autore dei testi della collana piccola letteratura greca e curatore di Exultet I di Bari (2011).

MINERVINI  FRANCESCO
vive a Bari dove insegna lettere classiche nei licei e ha al suo attivo varie pubblicazioni scientifiche. Appassionato del mondo antico appartiene alla razza degli insegnanti per passione. Con Stilo Editrice ha pubblicato Incanto classico. Scrittori latini e greci e cantautori d’oggi in concerto (2010) eIl grido e l’impegno. La storia spezzata di Michele Fazio (2011).

MOLFETTA ANNALISA
Ventisei anni, si è specializzata in Filologia moderna presso l’università degli studi di Bari. Nelle sue tesi di laurea in Letteratura italiana moderna e contemporanea si è occupata nel 2007 del postmoderno in Paolo Volponi, e nel 2010 delle problematiche risorgimentali in De Roberto e Tomasi di Lampedusa. Si è cimentata nel giornalismo locale e da sempre coltiva la passione della scrittura, ottenendo vari importanti riconoscimenti: nel 2003, grazie al Rotaract international, pubblica il romanzo breve Lo spirito del prete. Vite parallele, già nella rosa dei primi 25 al Campiello Giovani del 2002, e ottiene l’apprezzamento della giuria del VII ‘Certamen della Tuscia’ di Viterbo per la traduzione  il commento di un brano del tragediografo greco Menandro. Il 2010 vede il suo racconto Lotte, Lotte… ottenere l’attestato di merito della giuria popolare nel premio letterario ‘Il racconto nel cassetto’ dell’associazione Libera Italiana di Villaricca (NA) e il racconto Il sacrificio aggiudicarsi il secondo premio per la narrativa alla 50° edizione del Premio ‘Leone di Muggia’ (TS). Per Stilo Editrice ha curato la pubblicazione di  Cinque novelle, di Federico De Roberto.

MONACO ROBERTA (Bari 1961)
è docente di ruolo di lingua e letteratura francese nei licei e, a contratto, di francese giuridico nell’Università. Borsista nell’anno 1988-89 a Parigi, ha frequentato uno stage per formatori di Français Langue Etrangère, collaborando con recensioni, progetti, interviste e articoli pubblicati su riviste nazionali e internazionali. Dal 1993 al 1999, distaccata presso l’IRRE Puglia, si occupa di formazione in servizio, ricerca e innovazione didattica e traduzione. Docente presso le SSIS (Scuole di Specializzazione per l’Insegnamento Secondario) dal 2001 al 2009, coordinatrice di progetti CLIL, lavora con la Facoltà di Lingue dell’Università di Bari ed entra a far parte del GREC (Groupe de Recherche sur l’Extrême Contemporain) dove collabora alla traduzione del libro vincitore del Prix Murat 2003. Ha pubblicato per i tipi di Levante, con M. G. Belloli, Lire et comprendre droit e Pratigrammaire. Grammatica funzionale del francese giuridico e commerciale; con G. Zagariello, Percorsi operattivi di glottodidattica, inglese, francese, tedesco. Nel 2009 la sua prima raccolta di scritture poetiche Distanze: poesie e p-rose; in queste pagine l’Autrice presenta una selezione più ampia e organica di testi, frutto di una accurata ricerca linguistica.

NARRACCI GIOVANNI
Medico scrittore associato all’AMSI, Associazione Medici Scrittori Italiani aderente all’UMEM, Union Mondiale des Ecrivains Médecins. Impegnato nel sociale, ha diretto diverse istituzioni per la difesa dell’infanzia e ha operato nel volontariato sin da giovanissimo. I suoi romanzi storici portano i segni di questa formazione culturale: esaltazione della libertà contro ogni forma di oppressione, condanna di qualsiasi forma di violazione dei diritti umani, indicazione della solidarietà come unico valore che deve affratellare i popoli. Egli partecipa intimamente all’epopea dei vinti e degli esclusi, nella convinzione che a scrivere la Storia sono proprio gli ultimi, i “perdenti”. L’Autore ha già pubblicato diverse opere tra cui I cento anni dell’Istituto Latorre (Schena, Fasano 1998), Dalle gravine alla piana degli ulivi (Schena, Fasano 2002), L’ultimo Principe degli Incas (Capone, Lecce 2003), Il sogno di Scanderbeg (Besa, Nardò 2005), Maratona, la pianura della gloria (Capone, Lecce 2005), Roncisvalle (Lampi di Stampa, Milano 2006), Il tricolore in convento (Palomar, Bari 2007). Per la Stilo Editrice ha pubblicato Termopili. I giorni della gloria (2007), Primo olocausto. Romanzo storico (2010), Giudei in guerra. Alle origini della questione ebraica (2012, a cura di Annalisa Molfetta), Il villaggio rupestre di Lama d’Antico (2013).

NERI FRANCESCO
Docente di Teologia sistematica presso lo Studio Teologico Interreligioso Pugliese di Bari.

NIGRO RAFFAELE
Di origini lucane, risiede da tempo a Bari; alterna l’attività di giornalista RAI con quella di scrittore. Tra le sue opere I fuochi del Basento (Rizzoli, Premio Campiello 1987), Ombre sull’Ofanto (Giunti, Premio Grinzane Cavour 1993),Malvarosa (Rizzoli, finalista Premio Campiello 2005), Santa Maria delle Battaglie (Rizzoli), Fernanda e gli elefanti bianchi di Hemingway (Rizzoli). Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto In viaggio con mio padre, inMeridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

NOTARISTEFANO SARA
Sara Notaristefano (1980) si è laureata in Lettere presso l’Ateneo di Bari nel 2004, discutendo una tesi su Pirandello e l’‘oltre’. Per il semestrale di critica letteraria «incroci» (Mario Adda Editore) ha pubblicato recensioni sulle opere di Kahlil Gibran e Giuseppe Rosato e due saggi che testimoniano il suo interesse per la letteratura novecentesca, ossia I “Quaderni di Serafino Gubbio operatore” e Il Sessantotto di Pasolini: la solitudine di un tolemaico. Ha inoltre pubblicato un romanzo intitolato Delusa dal paradiso (Sacco, 2009). Insegna Lettere nelle scuole secondarie. Per Stilo ha inaugurato la collana Ciliegie (diretta da D.M. Pegorari) con Note di poesia. Canzoni d’autore in lingua italiana, inglese e francese (2012).

NUZZOLESE CINZIA
Cinzia Nuzzolese è nata a Trani nel 1983. Dopo la maturità classica, nel 2007 si è laureata in Lettere presso l’Università degli Studi di Bari con una tesi in Teoria e Storia dei Generi Letterari, avente come argomento la novella di ispirazione verista in Basilicata, e, in particolare, lo studio comparato della produzione narrativa di Nicola Marini e Tommaso Claps. Presso la stessa Facoltà nel 2010 ha conseguito, con il massimo dei voti, la laurea magistrale in Filologia Moderna, presentando una tesi sul petrarchismo, incentrata sull’analisi delle Rime di Giovanni Antonio Paglia, un canzoniere inedito della produzione lirica del Cinquecento, dato per la prima volta alle stampe nel 2012 dalla Stilo Editrice.

ORBÌTA
Orbìta (Tekst-gruppa Orbita) si è formato nel 1999 a Riga e a oggi riunisce quattro poeti, tre dei quali russofoni (S. Chanin, V. Svetlov, S. Timofeev) e A. Punte, che compone anche in lettone. Oltre alla produzione squisitamente letteraria, pubblicata in edizioni grandemente curate dal punto di vista grafico, i membri di Orbìta si dedicano a progetti multimediali, realizzati in forma di performance poetico-teatrali e di video-poesia, anche grazie alla collaborazione con musicisti e registi. Oltre a essere una delle realtà più sfaccettate e complesse della poesia russa contemporanea, Orbìta rappresenta anche un riuscito esperimento di sintesi multiculturale nel panorama del territorio dell’ex URSS, grazie alle frequenti collaborazioni con poeti lettoni e alla traduzione e diffusione di questa cultura ben oltre i confini del Paese.

PARISI ANTONIO
Nato a Noicattaro nel 1947, sacerdote della Diocesi di Bari-Bitonto, si occupa di musica e liturgia dal 1975. Parroco per oltre 20 anni, organista e concertista, docente al Conservatorio di Bari, membro di Universa Laus, è Direttore dell’Ufficio Diocesano di Musica sacra della sua diocesi, Presidente del-l’Auditorium Diocesano Vallisa, Consulente nazionale per la musica liturgica presso l’Ufficio liturgico nazionale della CEI, Direttore del Corso di Perfezionamento Liturgico-Musicale (COPERLIM) del-l’ULN della CEI, Responsabile regionale della Conferenza Episcopale Pugliese per la musica liturgica, Autore di 200 canti liturgici, tutti pubblicati presso le edizioni Paoline e ampiamente diffusi in tutta Italia.

PEGORARI DANIELE MARIA (1970)
ama studiare, scrivere, far studiare e far scrivere di letteratura: per questo insegna nel Dipartimento di Italianistica di Bari (Letteratura italiana contemporanea e Sociologia della letteratura), dirige la rivista «incroci» (con L. Angiuli e R. Nigro) e  per la Stilo dirige tre collane di ricerche e testi (‘Officina’, ‘Biblioteca di Letteratura Pugliese’, ‘Ciliegie’). Alcuni suoi libri:Dall’«acqua di polvere» alla «grigia rosa». L’itinerario del dicibile in Mario Luzi(1994), Vocabolario dantesco della lirica italiana del Novecento (2000),Metrica dei giorni (2000), Mario Luzi da Ebe a Constant (2002), Contesti della “Commedia” (2004), Non disertando la lotta. Versi e prose civili di Mario Luzi(2006), Dal basso verso l’alto. Studi sull’opera di Lino Angiuli (2006), Critico e testimone. Storia militante della poesia italiana 1948-2008 (2009). Per Stilo Editrice ha pubblicato Il codice Dante. Cruces della ‘Commedia’ e intertestualità novecentesche (2012).

PESOLA MARCO
Vive e lavora a Bari. Ha sempre coltivato la passione per la ricerca fotografica ispirandosi ai canoni dei grandi maestri della fotografia francese, americana e italiana. Nelle sue foto, ordinariamente, la tecnica e la purezza stilistica sono subordinate ai contenuti e alla comunicazione. Talvolta il ‘mosso’ coglie la particolarità delle situazioni, così come l’utilizzo esclusivo della luce ambientale, specie negli interni, ricrea l’atmosfera dei contesti. Questo è il suo primo Album fotografico pur avendo già curato due pubblicazioni: Una scuola una città (Stilo, Bari 2006), foto e ricordi nel cinquantenario della Scuola Media “Amedeo d’Aosta” di Bari, che dirige, e De Bello Hispanico (Arti Grafiche Favia, Bari 2006), diario commentato e illustrato con fotografie di un viaggio d’istruzione in Andalusia «alla ricerca dei luoghi della convivenza delle tre religioni del Libro». Per la sua attività di fotografo ha ricevuto in passato diversi riconoscimenti, tra cui il primo premio al Concorso dell’Archeoclub di Rutigliano (1974), il secondo premio alla Mostra-concorso dell’Accademia regionale pugliese dei fotografi professionisti (1978), il primo premio della Pro Loco di Gioia del Colle per una mostra sul Castello federiciano (1979) e il premio al concorso ‘Città di Padova’ (1980). Ha diretto il Centro Studi di Fotografia applicata “Artphoto” di Bari e, attualmente, è membro dell’Associazione fotografica di Bari “La Corte – Fotografia e ricerca”. Nel 2012 ha pubbilcato per Stilo Il profumo di Dio. I frutti del sacrificio di don Franco Ricci continuano a fiorire nel germoglio profumato della Chiesa che è in Soddu Abala (Etiopia).

PIETRICOLA LEONARDO
Nato a Valenzano nel 1943, è laureato in Lettere, con una tesi in Storia contemporanea. È stato direttore della Biblioteca centrale della Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Bari dal 1978 al 1993 e poi coordinatore generale di biblioteca presso la stessa Università. In pensione dal 1999, si dedica allo studio della storia locale. Ha pubblicato: Pagine di storia valenzanese, «Il Valentiniano», 3 (1999)-7 (2003), nn. 17-33, consultabili anche in Internet al sito www.il-valentiniano.com; I documenti sui fatti di Valenzano del 1799, «Risorgimento e Mezzogiorno», 11 (2000), n. 21/22; la scheda Valenzano in Centri antichi in provincia di Bari (Levante, Bari 2005), consultabile anche al sito Internet del Comune www.valenzanoinforma.it; la seconda edizione di V. Caringella, Memorie storiche di Valenzano (Levante, Bari 2005), cui è stato assegnato il 2° premio per la sezione Storia alla XIV edizione del Premio culturale nazionale «Satùro d’argento» del Comune di Leporano (TA).

POLIERI PIETRO (1974)
Ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in ‘Logos e Rappresentazione. Studi interdisciplinari di letteratura, estetica, arti e spettacolo’ – Sezione ‘Innovazione e Tradizione: eredità dell’antico nel moderno e nel contemporaneo’ presso l’Università di Siena. Attualmente insegna Antropologia culturale, Discipline demoetnoantropologiche e Sociologia del turismo culturale presso l’Università ‘Aldo Moro’ di Bari, e Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università ‘Federico II’ di Napoli. È inoltre docente di Storia della filosofia patristica presso l’Istituto di Teologia Ecumenico-Patristica Greco-Bizantina ‘San Nicola’ di Bari – Facoltà Teologica Pugliese (FTP). Presso l’Istituto Teologico Interreligioso ‘Santa Fara’ di Bari (FTP), già professore incaricato per il seminario di Filosofie e teologie delle religioni, insegna Filosofia della storia, Filosofia della religione e nei seminari intitolati Cristianesimo e filosofia contemporanea e Antropologia delle religioni: il sacro. Insegna inoltre Storia e Filosofia nei licei. È autore, oltre che di numerosi saggi su riviste specializzate, delle monografie intitolate I suoni della Torah. L’ebraismo «letto» attraverso la musica (1998), La vocedell’Inizio. Alla sorgente della musica ebraica (2001), Il manifesto della donna «riformata». Una lettura del Cantico dei Cantici (2001). Per la Stilo ha pubblicato, nella stessa collana “Filosofia”, La colpa dell’essere. Il racconto biblico della violazione originaria tra ricostruzione storico-teologica e analisi filosofica (2003). Diplomato in Flauto Traverso presso il Conservatorio ‘L. Refice’ di Frosinone, è direttore titolare di cori polifonici e compositore. È autore della raccolta di musica sacra e liturgica La Carezza dello Spirito(2008), per varie formazioni corali e organo sinfonico.

PORTOGHESE ANNA
Pedagogista e collaboratrice del quindicinale Rocca.

POTÌ MAURA
Architetto, nata a Brindisi, vive e lavora a Bari. La sua esperienza poetica nasce sul web, prima modalità di scambio letterario con altri scrittori, per soddisfare un’insopprimibile necessità di condivisione dei suoi scritti. Apre anche un blog con l’intenzione di coinvolgere nella sua ricerca espressiva artisti di ogni forma d’arte, ma presto non resiste al fascino della carta stampata e decide di percorrere la strada della pubblicazione: nel 2009 il suo primo libro Tra respiro e sospiro (Aletti Editore); alcune sue poesie sono state raccolte nelle antologie delle case editrici Aletti e Perrone (2009), R.E.I. (2011) e nell’antologia Poesie al balcone dell’Associazione culturale ‘Comunicaria’ (2009-2010). Con Stilo Editrice ha pubblicato la raccolta di poesie Il tempo non è un aspirapolvere (2011).

PROGETTO MONDIALITÀ
Progetto Mondialità è una ONG di Bari che dal 1980 si occupa di volontariato internazionale e cooperazione tra i popoli realizzando progetti pluriennali nei Paesi in via di sviluppo (PVS) cofinanziati dal Ministero degli Affari esteri, avvalendosi dell’idoneità conseguita per effetto della Legge n. 49 del 1987. Collabora con l’UE, con gli Enti locali, con le Istituzioni civili ed ecclesiastiche. Queste collaborazioni si esprimono attraverso progetti promossi nei PVS con l’invio di volontari che operano con le popolazioni locali per il futuro “autosviluppo”. Federata nella FOCSIV e membro del Forum nazionale del Terzo Settore, Progetto Mondialità realizza corsi di informazione e di educazione allo sviluppo e alla mondialità dei diritti fondamentali, delle migrazioni e della cittadinanza attiva. Progetto Mondialità è sede decentrata della Scuola di Politica Internazionale Cooperazione e Sviluppo (SPICeS) della FOCSIV, con cui organizza il corso di Cooperazione per l’autosviluppo giunto alla sesta edizione che rappresenta un momento propedeutico per acquisire le conoscenze di base e specialistiche delle ONG.

PRUDENZIO AURELIO CLEMENTE
Nato in Spagna nel 348 d. C., il più grande poeta cristiano dell’antica Roma scrisse inni e poemetti apologetici e dottrinali.

QUATTRUCCI ALBERTO
Delegato della Comunità di Sant’Egidio

RIBATTI DOMENICO

Nato ad Andria nel 1956, ordinario di Anatomia Umana presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Bari, è autore di circa quattrocento lavori scientifici di rilevanza internazionale, dedicati soprattutto all’angiogenesi nello sviluppo embrionale e nella progressione tumorale. Nel 2008 l’Università di Timisoara (Romania) gli ha conferito la laurea honoris causa in Medicina e Farmacia. Sin dai primi anni Novanta ha coniugato la ricerca medica con la riflessione intorno alla letteratura italiana moderna, come redattore di «incroci» e collaboratore dell’«Indice», di «Belfagor» e delle pagine culturali della «Gazzetta del Mezzogiorno». Nel 1995 ha pubblicato con Lacaita un Omaggio ad Italo Calvino, seguito da Leonardo Sciascia. Un ritratto a tutto tondo(Schena 1997) e da Una partitura incompiuta (Sciascia 2004). Del 2007 è il suo debutto come poeta, con L’assenza del centro, edito da Sentieri Meridiani. Per la Stilo Editrice ha curato Italo Calvino e l’Einaudi (2009) e ha pubblicatoScienza e letteratura. Storia di un doppio legame (collana Officina, 2008),Tempo e memoria. Parole e immagini (2010), Medicina malata (2010),Lorenzo Tomatis. La ricerca medica tra scienza e profitto (2011), Viaggio nel cervello. Dalla scoperta del neurone all’indagine sulla coscienza

ROBERTO CARLO
Nato il 4 agosto 1968 a Bitetto (Ba), è frate minore della Provincia Religiosa San Michele Arcangelo di Puglia e Molise. Scenografo, ha compiuto gli studi all’Accademia di Belle Arti di Bari. Ha studiato conservazione e restauro dei tessuti antichi presso la Fondazione Arte della Seta Lisio di Firenze. È appassionato di storia medievale e, attualmente, è impegnato nella formazione dei giovani francescani.
(2012).

ROMANO LIVIO
Vive e lavora a Nardò, in provincia di Lecce, dove è nato. Ha esordito nell’antologia di racconti Disertori (Einaudi), a cui sono seguiti quelli diMistandivò (Einaudi). Nel 2002 ha pubblicato con Sironi il reportage narrativoPorto di mare e nel 2007 il romanzo Niente da ridere con la Marsilio. Il suo ultimo romanzo è Il mare perché corre (Fernandel). Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Acqua a perdere, in Meridione d’inchiostro. Racconti inediti di scrittori del Sud, a cura di Giovanni Turi.

RUFFALDI ENZO

Professore di filosofia e storia nei licei.

RUSSO-ROSSI MARIA

Poetessa e narratrice dai molteplici interessi, ha già pubblicato nel 1987Canta che ti passa, raccolta di canti popolari, nel 1990 Icone orientali, raccolta di poesie ispirate alla metafora della luce, e nel 1998 un romanzo I canapai, saga familiare sulle donne della Puglia del Novecento. In tutte le sue opere privilegia la condizione femminile, il rapporto con la tradizione radice della storia, l’intuizione del sentimento nutrita di riflessione, la tensione verso l’Assoluto.

SARACINO DOMENICO

Nato a Bitonto nel 1926, ha studiato presso il Ginnasio-Liceo “C. Sylos” della stessa città. È stato discepolo di Giovanni Modugno con cui ha avuto un intenso rapporto di frequentazione dal 1943 al 1957. Ha conseguito la laurea in Filosofia, Storia e Pedagogia presso l’Università di Bari nel 1949. Ha insegnato Filosofia e Storia nei licei sino al 1995. Ha ricoperto più volte la carica di Consigliere comunale, di Consigliere provinciale dal 1956 al 1960, e quella di Sindaco della città di Bitonto dal 1962 al 1966. Impegnato nel volontariato sociale, ha ricoperto per quindici anni l’incarico di Presidente della “Villa Giovanni XXIII-Casa dell’anziano”. Ha pubblicato articoli e saggi su diverse riviste e, nel 1996, il volume Una città in pieno sviluppo, ediz. Tipografia A. Amendolagine, Bitonto.

SCARCELLI IVAN
Nato a Bari nel 1967, per professione si occupa di Filosofia politica (in qualità di ricercatore presso l’università di Bari ‘Aldo Moro’; ha la passione per la conoscenza, i libri e la scrittura, ma si è cimentato da sempre volentieri anche con la musica, non solo come ascoltatore (confessa volentieri alcune preferenze sviscerate, apparentemente eterogenee: Léo Ferré, Frank Zappa, Kurt Weill, King Crimson…). Invidia un po’ i commediografi e i ‘dialoghisti’ perché è convinto che scrivere un dialogo sia il modo più compiuto per dare forma a ‘vite immaginarie’; scrive da sempre racconti e romanzi (due completi, due in gestazione, tutti inediti) perché ritiene che siano un modo per conoscere se stessi e i propri dubbi. Si considera razionalista ma ammette di apprezzare, come lettore o spettatore, gli scrittori e i registi che sanno tratteggiare gli aspetti paradossal-surreali delle vicende umane e il versante onirico dell’esistenza, forse perché ricordano alla ragione l’esigenza di non volare in cieli troppo distanti. Per Stilo Editrice ha scritto Piccolo guasto alla centrale del tempo. cronache (quasi) immaginarie (2011).

SCARDICCHIO ANTONIA CHIARA
Dottore di ricerca in Pedagogia delle Scienze della Salute, è docente del Laboratorio di Comunicazione nella Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bari e insegna nella Pontificia Università Teologica dell’Italia Meridionale – Istituto Superiore di Scienze Religiose “Odegitria” (Bari). Dal 1997 si occupa di ricerca e formazione realizzando Atelier Autobiografici in aziende (Telecom Italia e TIM), corsi ECM, scuole e comunità di Puglia e Basilicata. Ricopre la carica di direttore scientifico del Centro Studi in Scienze Relazionali “Il dito e la luna” (Circolo Arci di Bari) e ha già pubblicato una ventina di saggi sui temi della educazione alla salute, della formazione, dell’estetica e della narrazione.

SCIANCALEPORE MARIELLA
Mariella Sciancalepore (Molfetta 1969), laureata in Lettere moderne, ha lavorato per molti anni nel campo dell’editoria.
Attualmente è web content writer, editor e docente precaria.
Prima di Canto e Disincanto (Stilo Editrice) di cui si è giunti alla seconda edizione ha pubblicato Le ali di cera (edizioni la meridiana).
Collabora con il sito Libriconsigliati scrivendo recensioni dei libri che l’appassionano.
Nel (poco) tempo libero legge poesia, noir, saggi femministi e fumetti, va al cinema e aggiorna il suo blog: theblackdalia.wordpress.com
Per rilassarsi cucina piatti vegetariani, pratica Qi Gong e spazzola i suoi amati gatti.
Per la Stilo Editrice cura la collana di poesia Nuovicanti.

SCORESE SANTA
Nasce nel 1968 a Bari, dove frequenta le scuole dell’obbligo, il Liceo Classico e successivamente si iscrive alla Facoltà di Pedagogia. Nel 1987 si trasferisce con la sua famiglia a Palo del Colle (Bari) dove intensifica il suo impegno sociale e cristiano: frequenta un corso per pionieri della Croce Rossa e si occupa di ragazzi poliomielitici e affetti da distrofia muscolare. Dal 1984 aderisce alla Milizia dell’Immacolata presso le Missionarie dell’Immacolata “P. Kolbe” e contemporaneamente frequenta, come Gen, il Movimento dei Focolari. Partecipa assiduamente alle iniziative dell’Azione Cattolica, svolge attività di catechismo e fa parte del coro. Vivendo il Vangelo e dedicando la vita ai poveri è spinta a intraprendere una appassionata ricerca della sua vocazione. Finché un giovane squilibrato che la perseguitava da anni nella tarda serata di venerdì 15 marzo 1991, mentre tornava da un incontro di catechesi in parrocchia, la colpisce mortalmente. Aveva 23 anni. Le sue ultime parole sono di perdono per il suo assassino.

SHKRELI AZEM
Nato nel 1938 a Shkrel, in Kosovo, ha studiato lingua e letteratura albanese presso la Facoltà di Filosofia dell’Università di Prishtina. Giornalista del quotidiano “Rilindja”, è stato direttore del Teatro Popolare Provinciale e successivamente della Casa cinematografica Kosova-Film. E’ stato presidente dell’Associazione degli scrittori kosovari e ha ricoperto la carica di presidente della Lega degli scrittori della Jugoslavia. Ha scritto opere di poesia, di prosa e drammi. Tra i suoi libri di poesia ricordiamo: Le gemme (1960), Gli angeli della strada (1963), Conosco una parola di pietra (1969), Dalla bibbia del silenzio (1975), Il battesimo della parola (1981), Il canto del gufo (1986), La notte dei pappagalli (1990), Lirica sotto la pioggia (1994) e Uccelli e pietre(1995). Ha pubblicato il romanzo La carovana bianca (1961) e successivamente una nuova versione dello stesso (1996), la raccolta di racconti Gli occhi di Eva (1975), i drammi I fossili (1968) e La tomba del cuculo (1983). Le sue opere sono state tradotte e pubblicate in molte lingue: serbo-croato, macedone, sloveno, italiano, ungherese, russo, turco, danese, spagnolo, arabo. E’ morto a Prishtina il 24 maggio 1999.

SORRENTINO BIANCA
Bianca Sorrentino  ha conseguito la laurea magistrale in Filologia, letterature e storia dell’antichità presso l’Università ‘Aldo Moro’ di Bari, con una tesi comparatistica sulla ricezione shakespeariana delle fonti classiche, e ha recentemente ottenuto un diploma di Master in Economia e Management dell’Arte e dei Beni Culturali presso la Business School de «Il Sole 24ORE». Si occupa da sempre di teatro e didattica, ha lavorato in Irlanda come assistente di Lingua italiana. Suoi contributi sono apparsi su «Iris News», rivista internazionale di poesia, e sul sito del Centro Culturale Tina Modotti i Caracas. È inoltre relatrice presso convegni universitari e incontri scolastici.

SPECCHIULLI DE MATTEIS FABIO
Laureando in Psicologia clinica presso l’Università di Firenze ed è impegnato in studi sulle strategie di prevenzione all’hiv/aids adottate in Africa. Cantautore, pensa ai suoi testi come specchio di una società frammentata e contraddittoria dove, tra le parole, è possibile scorgere lo spiraglio di luce desiderata.

SUSCA CARLOTTA
Carlotta Susca vive a Bari, lavora in campo editoriale e organizza eventi letterari. Ha conseguito due lauree specialistiche: in Editoria libraria e multimediale e in Filologia moderna. Scrive recensioni per RaccontoPostmoderno, Pool, SulRomanzo, Puglialibre, Temperamente; ha pubblicato una riflessione sul Realismo in letteratura su minimaetmoralia, è entrata nella redazione di «incroci» e ha collaborato con l’Archivio DFW Italia per la lettura collettiva del Re pallido. David Foster Wallace nella Casa Stregata. Una scrittura tra Postmoderno e Nuovo Realismo (2012) è il suo primo saggio.

TAGARELLI RITA
È nata e vissuta a Noicàttaro, dove ha svolto quasi per intero la sua carriera di maestra elementare meritando, dal Ministero della Pubblica Istruzione, la medaglia d’argento e quella d’oro. Da sempre impegnata, seguendo le tradizioni di famiglia, nella promozione socio-culturale del suo paese, di cui è stata anche Sindaco, ha già pubblicato: Noicàttaro. Itinerario Turistico Pugliese (Fasano 1983); A camastr. Poesie in vernacolo (Bari 1988). Ha inoltre collaborato al volume Radici nojane (Bari 1992), alla rivista “Il Crivello” e, dal 1984, alla redazione del “Bollettino della Madonna della Lama” dei Padri Agostiniani.

TANNOIA GIAN VITO
Nato a Massafra (TA), è docente di Organo, Canto gregoriano e responsabile dei Corsi accademici presso il Conservatorio di Musica di Matera. Vincitore di numerosi premi internazionali, è diplomato in Organo, Composizione organistica e Fisarmonica classica, laureato in Lettere presso l’Università di Bari e in Teologia presso la Facoltà Teologica Pugliese. Tra le sue pubblicazioni: L’accompagnamento del canto gregoriano, Berben, Ancona 1995; Le Dodici Sonate per organo di Pierbattista da Falconara (con CD allegato), Falconara M. 2003; Gli organi a canne della città di Massafra, Massafra 2008.

TARANTINO FILIPPO
Già professore di filosofia e storia nei licei, è Preside del Liceo classico “Cagnazzi” di Altamura.

TENERELLI NICOLA
Nato a Bari nel 1964, è un intellettuale dai molteplici interessi. Docente di Filosofia e Storia nei Licei ha diretto importanti iniziative di formazione per gli insegnanti, in Albania, in collaborazione con il governo albanese ed enti religiosi. Giornalista, si è impegnato sul tema della lotta alla mafia, ricevendo nel 1993, dalle mani del Presidente della Repubblica, il premio intitolato alla memoria del giudice Paolo Borsellino. Esperto di problemi legati alla comunicazione e alla relazione (www.filosofiadellarelazione.it) ha già pubblicato: Ludovico Lazzarelli e il Rinascimento filosofico italiano (Ariete, 1992), Cattività (G. Laterza, 1997) e curato Didattica ed intercultura tra Italia e Albania (Stilo, 2003).

TRAVERSA MICHELE
Scrive e pubblica su diverse testate giornalistiche a livello locale e nazionale. Direttore responsabile del mensile LSD (Last Smart Day) periodico di attualità e cultura giovanile, dal 2000 conduce un programma dedicato alla musica e al turismo su Controradio Bari (circuito Popolare Network). Ha seguito manifestazioni di richiamo nazionale ed internazionale. In questi anni ha ricevuto diversi riconoscimenti, per la professionalità dimostrata in campo giornalistico. Nel mese di giugno 2004 gli è stato consegnato il premio stampa Adutei 2003 (Associazione delegati ufficiali del turismo internazionale) per alcuni servizi sul turismo andati in onda su radio e televisione.

VASCO MARISA
è nata a Mola di Bari nel 1958 e si è specializzata, dopo gli studi classici, in didattica per l’insegnamento del Braille. Docente,  appassionata di letteratura e accanita lettrice, in particolare di racconti gialli e legal thriller, ha sempre nutrito grande interesse per le tecniche investigative e gli ambienti giudiziari. È al suo primo racconto.

VENTRELLA ANNALISA
Bibliotecaria presso la Biblioteca Provinciale dei Cappuccini di Puglia

VOLPI ALBERTO
laureato all’Università degli Studi di Milano in Storia della critica letteraria con Franco Brioschi, con una tesi sulle Teorie del personaggio (1994), ha conseguito nel 2001 un dottorato di ricerca in Teoria e analisi del testo, lavorando sul tema Forme del tradimento nella letteratura risorgimentale, presso l’Università di Bergamo dove ha poi svolto fino al 2003 attività tutoria e didattica integrativa per la cattedra di Letteratura italiana della Facoltà di Lingue e Letterature straniere. Ha pubblicato Il personaggio del giocatore, la scrittura e il nulla nei diari di Landolfi, in Problemi del personaggio, a cura di Giovanni Bottiroli, Bergamo University Press, 2001; Natura e individuo in “Casa d’altri” di Silvio d’Arzo, «incroci», giugno 2006; La scrittura come nullificazione. Appunti di teoria ed esempi testuali nella letteratura del Novecento, «Nuova prosa», settembre 2006. Dal 2001 è insegnante di ruolo nelle scuole secondarie di Bergamo.

ZAGARIA CRISTINA
Di origini tarantine, vive e lavora a Napoli; è giornalista delle «Repubblica» dall’età di venticinque anni. Nel 2006 l’esordio letterario con Miserere (Dario Flaccovio), poi L’osso di Dio (Dario Flaccovio), Perché no (Gruppo Perdisa) eMalanova (Sperling &Kupfer): tutti romanzi d’inchiesta ispirati alla cronaca e prevalentemente ambientati nel Mezzogiorno. Per la Stilo Editrice ha scritto il racconto Madre giustizia, in Meridione d’inchiostro. Racconti idediti di scrittori del Sud, a cura di G. Turi.

ZOTTI LUCIA
Lucia Zotti è regista teatrale, attrice e autrice. Ha lavorato nella compagnia di teatro stabile di prosa del teatro comunale Piccinni di Bari, diretta da Paola Borboni, per la Rai di Bari come attrice e cantante in varie trasmissioni nella rete locale e nazionale. Ha prestato la voce come doppiatrice alla protagonista del film  Brutti, sporchi e cattivi di Ettore Scola.
Nell’ultima stagione del Teatro Kismet OperA sono andati in scena i suoi spettacoli: La principessa sul pisello, Il gatto con gli stivali e Il viaggio di Arjun. Per Stilo Editrice ha pubblicato La principessa sul pisello. Storia di un principe rockettaro e di una ragazza in jeans (2012).