Soffri ma sogni || 6 luglio 2018, Scario (SA)

venerdì 6 luglio 2018 alle ore 21.00 presso Piazza ImmacolataScario (SA) si terrà la presentazione di Soffri ma sogni. La disfida di Pietro Mennea da Barletta di Stefano Savella.
Con l’autore intervengono Edoardo Grieco (presidente Cilento Run), Ferdinando Palazzo (sindaco San Giovanni a Piro), Pasquale Sorrentino (consigliere Prov. Salerno) e Ugo De Marsico (vicepresidente vicario Fidal Campania). Modera Carlo Cantales.

«Pietro aveva un fortissimo senso della giustizia che forse ha impedito che la sua carriera politica avesse lo stesso successo di quella sportiva; lì c’erano da fare troppi compromessi, una condizione cui era allergico [dalla prefazione di Luca Cordero di Montezemolo]»

OPERA_«La fatica non è mai sprecata. Soffri, ma sogni». Questa frase di Pietro Mennea esprime il profondo spirito di sacrificio che lo ha condotto a una lunga stagione di vittorie attraverso cinque partecipazioni alle Olimpiadi, il record del mondo, numerosi altri successi in Italia e in Europa. Vi si leggono però anche le difficoltà degli esordi a Barletta, la sua città, in cui la carenza di buoni impianti di allenamento era superata dalla presenza di figure che lo hanno formato nella vita e nello sport. Proprio a Barletta, sulla pista d’atletica dello stadio comunale, Mennea ottenne una delle sue migliori prestazioni di sempre. Abbandonata l’attività agonistica, nella sua nuova carriera di professionista, docente universitario e uomo politico, egli rafforzò la propensione alla sfida individuale. Lo testimoniano le sue lauree, le sue pubblicazioni, l’impegno costante nella lotta al doping e per lo sviluppo della propria terra.

AUTORE_Stefano Savella, nato a Barletta nel 1982, è redattore editorialepubblicista e blogger. Si occupa di questioni politiche europee su «Votofinish.eu» ed è direttore della rivista web «PugliaLibre. Libri a km zero». Suoi articoli sono apparsi negli anni scorsi sullo «Straniero» e su «Nazione Indiana». Nel gennaio 2017 è uscito il suo secondo libro, Povera patria. La canzone italiana e la fine della Prima Repubblica (Arcana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *