Sempre verso Itaca || 13 gennaio, Libreria Quintiliano, Bari

sabato 13 gennaio alle ore 18.30 presso la Libreria Quintiliano (via Arcidiacono Giovanni 9) a Bari, si presenta Sempre verso Itaca. Itinerari tra mito e riletture contemporanee di Bianca Sorrentino. Dialoga con l’autrice la prof.ssa Claudia Lorusso.

OPERA_Questo vivace dialogo tra pagine del mito classico e riletture contemporanee indaga il rapporto tra il tormento lacerante e la conoscenza, esplorandolo attraverso le sue molteplici accezioni: il viaggio, con Ulisse come archetipo di colui che «a lungo errò» e «molti dolori patì»; la memoria, con Enea che a caro prezzo paga la promessa di rifondare la casa perduta; la verità, con Edipo, che solo quando si acceca riesce a vedere; la poesia, con Orfeo, che discende nel nulla e canta la vita; il lutto, con Elettra come testimone della ferocia e incubatrice d’odio; la ricerca di senso, con Filottete che attraverso l’esperienza dell’alienazione comprende il significato delle sue ferite, e la ricerca di una via, con Dedalo che nella prigionia impara a desiderare la libertà. Al lettore resta un’immaginifica suggestione di leggerezza, che soffia via la polvere dagli occhi e con un tocco di gentilezza chiarisce lo sguardo.

AUTRICE_Bianca Sorrentino (Bari, 1988) ha conseguito la laurea magistrale in Filologia, Letterature e Storia dell’Antichità presso l’Università di Bari ‘Aldo Moro’ con una tesi comparatistica sulla ricezione shakespeariana delle fonti classiche, e ha recentemente ottenuto un diploma di Master in Economia e Management del’Arte e dei Beni Culturali presso la Business School de «Il Sle 24ORE». Si occupa da sempre di teatro e didattica, ha esordito per i tipi di Stilo Editrice con Mito classico e poeti del ’900 e attualmente cura un ciclo di incontri sulla poesia del Novecento in collaborazione con la Libreria Prinz Zaum di Bari. Suoi contributi sono apparsi su Poesia di Luigia Sorrentino, sul sito di RaiNewsParco PoesiaMidnightL’EstroVersoLaboratori PoesiaIris NewsBuenos Aires Poetry e sul sito del Centro Culturale Tina Modotti di Caracas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *