Nietzsche e la solitudine || 3 novembre, Bari

venerdì 3 novembre alle ore 18.30 presso la Libreria Quintiliano (via Arcidiacono Giovanni 19) a Bari si presenta Nietzsche e la solitudine. Il destino di un inattuale di Michele Bracco.

OPERA_Prendendo in considerazione gli scritti e le lettere del filosofo tedesco, nonché alcune suggestive testimonianze – soprattutto femminili – fornite da coloro che ebbero modo di frequentarlo, l’Autore mostra come la solitudine costituì per Nietzsche la condizione e la conseguenza del suo essere un pensatore inattuale, al punto che egli finì col tempo per assumere un’aria misteriosa e inquietante, «come se venisse da una terra dove non abita più nessuno» (lettera di Erwin Rohde a Franz Overbeck). Il volume si apre con la prefazione di Giuliano Campioni (già ordinario di Storia della filosofi a all’Università di Pisa e curatore dell’edizione italiana Colli-Montinari delle Opere e dell’Epistolario di Nietzsche) e si conclude con un dialogo con il pittore Valerio Adami, uno degli esponenti più prestigiosi del panorama artistico
contemporaneo, autore del ritratto in copertina.

AUTORE_Michele Bracco (Bari 1966), studioso del pensiero contemporaneo e docente di Filosofi a nel Liceo classico e linguistico ‘C. Sylos’ di Bitonto, ha scritto numerosi saggi apparsi in volumi e su riviste italiane e internazionali. Per la Stilo Editrice ha pubblicato Sulla distanza. L’esperienza della vicinanza e della lontananza nelle relazioni umane (nuova ed. 2016) e ha curato, con Annalisa Caputo, il volume Nietzsche e la poesia (2012). Nel 2016 ha partecipato come relatore al Convegno Internazionale di Filosofi a intitolato ‘L’inattuale. Da Nietzsche a noi’, organizzato presso l’Università degli Studi di Bari dalla rivista «Logoi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *